cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Gran Bretagna: prestiti per mangiare

Autore: . Data: lunedì, 6 maggio 2013Commenti (0)

inghilterra povertaNel Regno Unito, a dispetto della propaganda, la crisi sta colpendo con durezza. Una famiglia su cinque non ha come fare la spesa.

Il popolo di Sua Maestà nel mese di aprile ha dovuto far ricorso a prestiti, alle carte di debito rateizzate o attinto ai risparmi per poter comperare il cibo.

Lo ha rilevato uno studio condotto da ’Which? Convesation’ che studia i comportamenti dei consumatori.

Secondo ‘Which?’ si tratta “di famiglie a basso reddito, finanziariamente vulnerabili e in genere di età compresa tra 30-49 anni con i bambini. Quasi la metà di queste famiglie hanno i redditi più bassi, e guadagnano 25mila euro o meno l’anno”.

La ricerca inglese ha messo in rilievo che “negli ultimi anni con i prezzi dei prodotti alimentari in aumento non è sorprendente che i consumatori inseriscano il costo del cibo tra le loro prime tre preoccupazioni. Su dieci famiglie in difficoltà otto dicono di essere preoccupate per i prezzi alimentari. Più della metà, poi, aggiunge di prevedere tagli sui propri consumi alimentari nei prossimi mesi”.

Richard Lloyd, il capo dell’equipe che ha condotto la ricerca, ha definito i dati “shoccanti”, perchè sarebbero almeno cinque milioni i nuclei familiari che, di fatto, non hanno la disponibilità di denaro per acquistare ogni giorno il cibo.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008