cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Per Renzi se non hai lavoro è meglio che ti arrangi

Autore: . Data: venerdì, 15 marzo 2013Commenti (0)

Il ‘rottamatore’ fa sfoggio di liberismo e definisce il reddito di cittadinanza contrario all’art. 1 della Costituzione.

Ha detto il sindaco di Firenze: “Il reddito di cittadinanza, che qualcuno confonde con il reddito minimo garantito, è la negazione dell’articolo 1 della Costituzione”.

Di lusso il luogo dell’esternazione, l’Assemblea nazionale della Compagnia delle opere, associazione di tipo imprenditoriale vicina a Comunione e Liberazione.

Secondo Renzi “il reddito minimo garantito è una cosa seria, c’è in tutta Europa, ma il reddito di cittadinanza è basato sull’idea che non lavori e ti do un sussidio. Le imprese non chiedono allo Stato sussidi, ma libertà in cambio di responsabilità”.

Per il ‘rottamatore’, insomma, si ha diritto ai minimi salariali (regolarmente imposti dai contratti collettivi che qualcuno vorrebbe abolire), ma non si da diritto a nulla se si è disoccupati. Considerazione inedita a sinistra, ma da secoli largamente sostenuta da larghissimi settori della destra.

Per il sindaco di Firenze in questo momento “la priorità è il lavoro”, ma “viviamo in un tempo in cui il lavoro sembra essere considerato un problema: e quando il lavoro non c’è, accade che le forze politiche trovino soluzioni dettate dalla volontà di andare incontro alle esigenze degli altri, ma che sono la negazione del lavoro”.

Renzi ha spiegato che secondo lui “oggi quando si parla di lavoro si parla solo di modalità di assunzione e di licenziamento. Il dibattito in campagna elettorale sul lavoro, anche nella mia parte politica, è stato sulla libertà o meno di licenziare, sull’articolo 18. E’ una follia. E’ inutile discutere di regole del gioco se intorno ho un sistema che mi blocca”.

Anche in questo caso le considerazioni del ‘rottamatore’ sono perfettamente il linea con il pensiero prevalente di non poche forze conservatrici, ma non coincidenti con le strategie di alcuna forza progressista nè italiana nè europea.

Giusto per essere pignoli.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008