cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » in evidenza, politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Il grido di allarme delle imprese a Bersani: “Governo, fate presto”

Autore: . Data: lunedì, 25 marzo 2013Commenti (0)

Il presidente di Confindustria, dopo l’incontro con il presidente del consiglio incaricato, non ha usato mezze misure: “Le aziende sono vicinissime alla fine, siamo estremamente preoccupati per l’economia reale del Paese”.

Per le imprese italiane il tempo sta scadendo. Ormai in uno stato ‘disperato’, le aziende sono ‘vicinissime alla fine’. L’allarme, l’ennesimo, arriva dal presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che a colloquio con il presidente del Consiglio incaricato, Pierluigi Bersani, ha chiesto di fare presto e di formare subito ‘un governo stabile’.

Con 3 milioni di disoccupati, pari al 12%, con punte di quasi il 40% per i giovani, il problema dell’occupazione, ha insistito il numero uno di Viale dell’Astronomia, “sta diventando tragico”.

Per questo Confindustria non può che essere “estremamente preoccupata per l’economia reale del Paese. Bisogna metterci mano con priorità assoluta – ha spiegato Squinzi – partendo dal pagamento dei debiti pregressi della pubblica amministrazione, ma procedendo anche con quella che gli industriali hanno definito un vera e propria “terapia d’urto” per i primi 100 giorni di governo, con la revisione della legge Fornero per esempio e l’abbassamento del costo del lavoro, possibile in una percentuale dell’8%.

I debiti della pubblica amministrazione dovranno essere il primo punto in agenda anche per Abi e Ania, che sottolineano l’urgenza di un governo con pieni poteri e piene responsabilità e chiedono come priorità proprio la messa in circolazione di liquidità a vantaggio delle imprese, ma anche delle banche, con l’obiettivo di risanare debiti e sofferenze.

Al coro di chi auspica un governo nel più breve tempo possibile si aggiungono infine anche l’Alleanza delle Cooperative italiane, che chiede un allentamento del patto di stabilità interno e un ripresa del credito a favore delle imprese, e le associazioni agricole, Copagri e Coldiretti in testa.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008