cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Gli oncologi chiedono che i nuovi farmaci antitumorali siano per tutti

Autore: . Data: mercoledì, 20 marzo 2013Commenti (0)

Il presidente dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), Stefano Cascinu, lancia l’allarme: le cure hi-tech debbono essere libere.

Cascinu ha affermato che i nuovi farmaci contro i tumori, come ad esempio i ’nanofarmaci’, “una volta approvati dall’Agenzia italiana del farmaco siano accessibili su tutto il territorio nazionale, senza ulteriori ritardi a livello regionale perchè non è giusto che si crei un trattamento differenziato tra pazienti a seconda del luogo in cui si vive”.

Per il presidente dell’Aiom un esempio concreto “è quello del nanofarmaco paclitaxel per il tumore al seno: disponibile da un anno in Italia, lo scorso autunno la Regione Veneto ha deciso di renderlo accessibile solo alle donne sotto i 65 anni. Una disparità di trattamento contro la quale si sono avute numerose proteste, che hanno spinto la Regione a modificare tale decisione”.

Nel 2014, lo stesso farmaco innovativo dovrebbe essere approvato anche in Italia con una diversa indicazione, ovvero per il trattamento del tumore al pancreas.

“L’auspicio – ha concluso Cascinu – è che i farmaci hi-tech, ed anche questo nuovo in arrivo, siano accessibili a tutti, senza ritardi per ragioni economiche o di burocrazia”.

Ancora una volta la ‘follia’ sembra governare la sanità italiana.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008