cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Francia: strage in nome della dieta

Autore: . Data: giovedì, 21 marzo 2013Commenti (0)

Torna d’attualità in Francia uno dei più gravi scandali sanitari che ha colpito il Paese negli ultimi anni: quello legato al farmaco taglia-fame Mediator, che avrebbe causato la morte di centinaia di pazienti in trent’anni.

Il medicinale potrebbe essere stato un terribile serial killer, responsabile della morte di centinaia di persone. Tutto in nome della ‘linea’.

Per la prima volta gli inquirenti hanno chiamato in causa l’Agenzia nazionale del Farmaco (ANSM), indagata per omicidio colposo e ferite involontarie.

L’autorità sanitaria francese, secondo da fonti giudiziarie, sarebbe sospettata di aver agito con negligenza, sottovalutando per anni la pericolosità del farmaco, un anti-diabetico prescritto come taglia-fame, commercializzato tra il 1995 e il 2009. L’agenzia è stata posta sotto controllo giudiziario, con versamento di una cauzione di 100 mila euro.

In particolare all’ANSM (che all’epoca dei fatti si chiamava Agenzia francese di sicurezza sanitaria dei prodotti della salute, Afssaps) viene rimproverato “di aver contribuito a creare la situazione che ha causato danni alle vittime e di non aver preso le misure necessarie per evitarla”.

Un rapporto dell’Ispezione generale degli affari sociali (Igas), pubblicato nel 2011, nel momento in cui è scoppiato lo scandalo, aveva già messo in evidenza “le gravi mancanze di farmaco-vigilanza” nei confronti del Mediator, ritirato dal mercato nel 2009.

Sotto accusa è soprattutto il benfluorex, una molecola anti-obesità che costituisce il principio attivo del Mediator. Il farmaco, era fabbricato dai laboratori Servier, il cui fondatore, Jacques Servier, è stato incriminato per truffa e omicidio colposo.

L’antidiabetico veniva utilizzato da centinaia di pazienti per il suo effetto dimagrante, ma, stando alle accuse, provocava danni cardiaci più o meno gravi.

Tra il 1976 ed il 2009 fu prescritto a circa cinque milioni di pazienti. Tra le 500 e le 2000 persone sarebbero morte.

 

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008