cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

La crisi lancia il ‘made in China’

Autore: . Data: lunedì, 10 dicembre 2012Commenti (0)

I pochi soldi spingono gli italiani a risparmiare per il Natale. Così i prodotti cinesi a buon mercato sbaragliano la concorrenza.

Un indagine condotta per l’Associazione Contribuenti dal Centro studi e ricerche sociologiche ’Antonella Di Benedetto’ di Krls Network of Business Ethics, per verificare quanto e come spenderanno i cittadini alle prese con i doni e gli acquisti natalizi ha rilevato che due italiani su tre, in vista dei regali di Natale, acquisteranno prodotti ’made in China’.

Dall’inchiesta si desume inoltre che se il 64 per cento degli italiani acquisteranno soltanto prodotti made in China, il 21 riciclerà i regali ricevuti negli anni precedenti. Solo il 15 per cento acquisterà prodotti italiani, possibilmente artigianali.

Il gigante asiatico vede passare le sue vendita dal 59 per cento dello scorso anno al 64, un aumento pari al 5%.

I prodotti che riscuotono maggior successo sono di ogni genere: borse d’acqua calda, orologi, guanti, cappelli, sciarpe, calze ma anche scarpe, pantaloni, pigiami, pantofole, maglie di lana, coperte, camicie, intimo.

Vittorio Carlomagno, presidente dell’Associazione Contribuenti, ha commentato: “Questo Natale farà emergere tutte le difficoltà degli italiani. Da un lato ci sarà un calo generalizzato dei consumi di circa il 23 per cento rispetto allo scorso anno, a causa dell’aumento delle tasse; dall’altro un aumento delle vendite del 16 dei prodotti made in China”.

Per Carlomagno “di fronte alla crisi, all’aumento della pressione fiscale e al crollo del potere di acquisto i cittadini reagiscono. Ma bisogna stare attenti e acquistare i prodotti cinesi preferendo alle bancarelle i negozi cinesi o i mercatini comunali, dove tutti i prodotti sono controllati dalla polizia municipale. L’importante è conservare lo scontrino fiscale per far valere la garanzia o cambiare il prodotto”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008