cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Già nel 1990 si era compreso il mutamento climatico

Autore: . Data: martedì, 11 dicembre 2012Commenti (0)

Nel 1990, all’epoca della prima previsione dell’Ipcc (l’organismo dell’Onu che studia i cambiamenti climatici), non c’erano i supercomputer di oggi, e gli studi sulla febbre del pianeta non erano molto diffusi, eppure le cifre calcolate dagli esperti sembrano essere giuste.

Il controllo ’a meta’ strada’ rispetto ai valori previsti per il 2030 è stato fatto dai ricercatori dell’università britannica di Oxford, con uno studio pubblicato dalla rivista Nature Climate Change.

Nel 1990 l’Intergovernmental Panel on Climate Change aveva pubblicato quella che è considerata la prima stima mai fatta da un consensus scientifico della temperatura media nel 2030, trovando un aumento compreso tra 0.7 e 1.5 gradi centigradi: “Ora che siamo a metà dell’intervallo temporale – scrivono gli autori – la predizione sembra accurata. Questo è particolarmente significativo perchè all’epoca una serie importante di forze in gioco non erano state prese in considerazione. Evidentemente il riscaldamento indotto dai gas serra è preponderante rispetto agli altri fattori, che almeno su una scala temporale di 20 anni sono trascurabili”.

Gli aumenti osservati, fanno notare gli esperti, sono più vicini al limite inferiore previsto nel 1990, ma la notizia è comunque preoccupante.

Se anche nel 2020 la temperatura dovesse aumentare di ’solo’ 0.7 gradi rispetto al 1990, la prospettiva a fine secolo sarebbe comunque molto più alta dei 2 gradi ipotizzati dagli esperti come il ’punto di non ritorno’ sotto cui bisognerebbe assolutamente rimanere.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008