cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, in evidenza
Regola la dimensione del carattere: A A

La mannaia del governo nuovo pericolo per la giustizia

Autore: . Data: giovedì, 5 luglio 2012Commenti (0)

La cosiddetta ‘spending rewiew’ produrrebbe danni irreparabili e definitivi al sistema giudiziario nazionale. Per una volta d’accordo avvocati e giudici.

Il Comitato di Coordinamento tra le Magistrature e l’Avvocatura di Stato si riuniti ieri ed hanno espresso ”preoccupazione sui contenuti dei provvedimenti in itinere in materia di ‘spending review’”.

Il Coordinamento “pur comprendendo l’esigenza di riduzione della spesa pubblica” ha chiarito”in un’ottica di promozione dello sviluppo, la giustizia rappresenta una risorsa essenziale purchè sia messa in grado di fornire risposte tempestive ed efficaci. E’ perciò indispensabile assicurare l’integrità di questa risorsa perchè anche da essa dipende la competitività del Paese”.

Per avvocati e giudici “è quindi, necessario evidenziare che qualsiasi riduzione degli organici e delle dotazioni di personale, anche amministrativo, incide gravemente sul raggiungimento di questo obiettivo; gli interventi programmati finalizzati al risparmio della spesa pubblica non devono avvilire e deprimere ulteriormente l’efficienza e la qualità della giustizia italiana, già duramente colpita dai ripetuti tagli e ridimensionamenti degli ultimi anni”.

Il Coordinamento ha anche sottolineato che “il trattamento economico degli operatori del settore giustizia è stato già fortemente colpito da interventi selettivi e sensibilmente penalizzanti; eventuali nuovi impoverimenti di risorse determinerebbero danni finanziari irreparabili, con aumento dei tempi di definizione dei processi e con conseguente inevitabile ricaduta sull’entita’ delle somme dovute dallo Stato a titolo di risarcimento per l’irragionevole durata dei procedimenti”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008