cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » report, vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Trovato un gene che potrebbe limitare la produzione di colesterolo

Autore: . Data: venerdì, 18 novembre 2011Commenti (0)

Si tratta di una scoperta tutta italiana. Non sono pochi gli scienziati che riescono a sconfiggere le limitazioni imposti dai tagli indiscriminati al settore della ricerca.

Un gruppo di medici dell’Università di Modena e Reggio Emilia, in collaborazione con colleghi degli atenei di Genova, Milano e Parma, hanno individuato un gene, chimato Angptl3 la cui mutazione blocca la produzione di una proteina che ha la funzione di rallentare lo smaltimento del colesterolo-LDL dal sangue.

La produzione di farmaci in grado di bloccare il gene appena scoperto potrebbe in futuro ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e proteggere le arterie.

Lo studio finanziato dalla Regione Emilia Romagna – Azienda Policlinico di Modena nell’ambito del progetto ‘Diagnostica Avanzata in Lipidologia, Emilia Romagna’ è stato pubblicato sulla rivista Circulation: Cardiovascular Genetics.

Maurizio Miselli, direttore sanitario dell’Azienda ospedaliero – universitaria di Modena ha spiegato: “Si tratta di un tema importante che apre scenari nuovi nella medicina e che conferma la volontà del sistema sanitario regionale di investire nella ricerca di terapie che ci auguriamo tutti siano sempre più mirate e meno invasive”.

L’equipe che ha lavorato alla ricerca ha selezionato tre nuclei familiari nei quali alcuni dei componenti, tutti sanissimi, avevano livelli di colesterolo-LDL ridotti del 50-70 per cento rispetto ai valori riscontrati nella media della popolazione.

I ricercatori hanno cercato il gene ‘responsabile’ del controllo del colesterolo ed hanno trovato Angptl3, che determina la produzione nel fegato di una proteina, angiopietin-like protein 3, che è presente nel sangue.

Nelle tre famiglie selezionate si è visto che il gene è “mutato”, ha perso di funzione e non è capace di produrre angiopoietin-like protein 3.

Patrizia Tarugi, ordinario di Patologia Generale presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Ateneo modenese ha detto: “La funzione di questa proteina non è completamente chiarita, tuttavia sembra che agisca rallentando lo smaltimento del colesterolo-LDL dal sangue, favorendone l’accumulo. Se questa proteina non è prodotta dal fegato perchè Angptl3 è mutato, il colesterolo- LDL può essere più facilmente rimosso dalla circolazione e quindi il suo livello si riduce in modo consistente con evidente beneficio per la integrità delle arterie”.

Gli scienziati modenesi hanno infine specificato che questa osservazione è importante per due ragioni: definisce il ruolo di un nuovo gene che controlla i livelli di colesterolo-LDL nel sangue e prospetta un possibile bersaglio terapeutico.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008