cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » in evidenza, politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Barroso si sveglia, batte un colpo e sbaglia obiettivo

Autore: . Data: giovedì, 17 novembre 2011Commenti (0)

Il presidente della Commissione ha scoperto la gravità “sistemica”della crisi. Rimedio: aumentare le tasse. L’inadeguatezza dei politici europei è sempre più allarmante.

Il portoghese a capo dell’Unione ha detto ieri che l’Europa si trova di fronte a una “vera e propria crisi sistemica” ed ha indicato la soluzione: “Più impegno da parte di tutti e misure aggiuntive”.

Secondo Barroso con la crisi aumentare le tasse è “inevitabile”. Per fortuna il presidente non vuole colpire a casaccio, ma indirizzare i prelievi verso “i grandi patrimoni”. Quindi ha aggiunto che Usa e Vecchio Continente sono “le regioni più ricche al mondo” e sarebbe quindi “piuttosto strano” doversi rivolgere ai Paesi del Sud, che sono “più poveri” per riuscire a “salvare l’Europa”.

La confusione mentale del Capo della Commissione o la sua demagogia è senza alibi, perchè la discussione sul debito dei Paesi di Africa, Asia ed America Latina si trascina da decenni e lo sfruttamento che l’Occidente ha fatto delle risorse del Sud è chiaro ormai anche ai meno esperti di politica internazionale.

Barroso ha continuato affermando: “Abbiamo le risorse in Europa per rispondere, purché ci sia la volontà politica” ed ha aggiunto che “i nostri stati membri spendono più di quanto vogliono ricevere dai contribuenti”.

Quindi, ha  proseguito il presidente, “una volta raggiunto il punto in cui non si può più tagliare la spesa, bisogna pensare a aumentare le entrate, è inevitabile, e questo significa un’adeguata ed equa tassazione”.

Ma se la crisi è di sistema come pensa Barroso di risolverla attraverso strumenti tradizionali di prelievo fiscale? Mistero.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008