cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Le esternazioni inopportune di Napolitano

Autore: . Data: venerdì, 22 luglio 2011Commenti (0)

Con la latitanza di Berlusconi e la crisi del centro desta il presidente della Repubblica sembra preso da interventismo acuto. Sarebbe il caso di smetterla.

Dopo la ‘promozione’ della insensata guerra in Libia e le non opportune pressioni per accelerare il voto senza dibattito parlamentare sulla scellerata manovra finanziaria varata dal centro destra adesso l’inquilino del Colle si cimenta con la giustizia. E con un colpo al cerchio ed uno alla botte nasconde le responsabilità di Berlusconi nella crisi del sistema giudiziario nazionale.

Ha detto Napolitano: “Vanno evitate condotte che creino indebita confusione di ruoli e fomentino l’ormai intollerabile, sterile scontro tra politica e magistratura” evidentemente dimenticando gli ormai quasi vent’anni di assalti all’arma bianca che il Cavaliere lancia contro i giudici spesso per motivi strettamente personali: i processi a suo carico.

Con una frase che offende l’intelligenza umana, il presidente ha aggiunto: “Non spetta al Capo dello Stato suggerire o valutare disegni di riforma della giustizia, che sono prerogativa del parlamento nella sua dialettica tra maggioranza e opposizione e nella ricerca di qualificati rapporti esterni a fini di ampia condivisione”, ma “dobbiamo mirare tutti assieme ad un recupero di funzionalità, e insieme di razionale e limpido profilo, del sistema”. Bene, ma se è vero come è vero che “non spetta al Capo dello Stato suggerire o valutare”, sarebbe opportuno anche evitare di ‘augurarsi’ cose, per altro ovvie e scegliere con fermezza la linea del silenzio.

Il presidente, poi, ha ancora una volta criticato “l’intollerabile scontro tra politica e magistratura” ed ha richiamato i magistrati ad operare facendo “un uso sapiente ed equilibrato dei mezzi investigativi bilanciando le esigenze del procedimento con la piena tutela dei diritti costituzionalmente garantiti”. Ed ha spiegato: “Il discorso vale in specie, per le intercettazioni cui non sempre si fa ricorso – come invece insegna la Corte di Cassazione – solo nei casi di assoluta indispensabilità per le specifiche indagine e delle quali viene poi spesso divulgato il contenuto pur quando esso è privo di rilievo processuale», ha detto ricordando che può essere lesivo della «privatezza dell’indagato, o ancor di più, di soggetti estranei al giudizio”.

Napolitano dovrebbe ben sapere che la magistratura non ha mai aperto polemiche con la ‘politica’, ma semmai ha tentato di impedirne le ruberie. Ed alcuni partiti, evidentemente ‘seccati’ per le intromissioni dei giudici hanno proceduto al varo di decine di provvedimenti ad personam, per garantirsi l’immunità. Per le intercettazioni, inoltre, se illeciti vi sono stato che Napolitano li denunci in modo esplicito, invece di riferirsi ad una tecnica investigativa che più di altre è in grado di colpire il malgoverno e la corruzione.

Il presidente ha quindi sottolineato: “Fin dal 2007 ho invitato i magistrati a ispirare le proprie condotte a criteri di misura e riservatezza, a non cedere a fuorvianti esposizioni mediatiche, a non sentirsi investiti di improprie ed esorbitanti missioni ad non indulgere ad atteggiamenti protagonistici e personalistici che possono mettere in discussione l’imparzialità dei singoli, dell’ufficio giudiziario cui appartengono, della magistratura in generale”.

Secondo il Capo dello Stato le ‘violazioni’ si verificherebbero “quando il magistrato si propone per incarico politici nella sede in cui svolge la sua attività oppure quando esercita il diritto di critica pubblica senza tenere in pieno conto che la sua posizione accentua i doveri di correttezza espositiva, compostezza, riserbo e sobrietà”. Infine il presidente ha pronunciato una banalità carica, tuttavia, di doppi significati: “Il magistrato deve assicurare – in ogni momento, anche al di fuori delle sue funzioni – l’imparzialità e l’immagine di imparzialità su cui poggia la percezione che i cittadini hanno della sua indipendenza e quindi la loro fiducia”.

Le continue esternazioni di Napolitano stanno travalicando il ruolo che la Costituzione affida al presidente. Ma quel che è peggio è che il Capo dello Stato dietro una apparente imparzialità sta affermando logiche che sono proprie dei sistemi presidenziali. In questo caso, poi, trasformando l’assedio che da anni il centro destra e Berlusconi stanno portando contro la magistratura in un ‘duello tra antagonisti’. E mai ricostruzione fu meno obiettiva di questa.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008