cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

La plastica divora anche il Nord Pacifico

Autore: . Data: martedì, 5 luglio 2011Commenti (0)

I pesci dell’immenso oceano mangiano tonnellate dell’indistruttibile materiale. L’ambiente è sempre più compromesso e neppure esistono rimedi per impedire lo scempio.

Negli stomaci dei pesci del Nord del Pacifico ogni anno si accumulano fino a 24mila tonnellate di plastica. Lo ha scoperto una spedizione dell’Istituto californiano Scripps di Oceanografia, che ha analizzato diverse specie che vivono nella North Pacific Subtropical Gyre, la corrente che contiene la famosa ’isola di plastica’.

La spedizione, i cui risultati sono pubblicati dalla rivista Marine Ecology Progress Series, ha analizzato residui plastici, pesci e campioni d’acqua in 132 ’stazioni’ durante un viaggio di 2.375 chilometri nell’oceano. In 130 di queste sono stati trovati residui di plastica, spesso non più grandi di un’unghia umana, mentre il 9,2 per cento dei 147 campioni di pesci sezionati avevano questo inquinante nello stomaco, il che ha portato a una stima totale fino a 24mila tonnellate di plastica mangiata ogni anno.

Gli autori della ricerca hanno dichiarato: “La percentuale probabilmente è sottostimata perchè la plastica può essere rigurgitata o espulsa e molti pesci possono morire per l’ingestione”. Il numero è comunque molto alto: “I più colpiti sembrano essere i ’pesci lanterna’, che vivono tra 200 e 1000 metri di profondità di giorno e salgono in superficie di notte, che sono molto importanti perchè connettono il plancton con gli anelli superiori della catena alimentare”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008