cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

In Giappone esplode il caos nucleare

Autore: . Data: venerdì, 8 luglio 2011Commenti (0)

Il primo riavvio di reattori dopo la crisi di marzo causata dal terremoto e dallo tsunami è stato messo in dubbio ieri, dopo il tentativo del governo di rassicurare i cittadini ordinando stress test sugli impianti.

L’annuncio della prova ha provocato una risposta durissima da parte del sindaco della cittadina meridionale di Genkai, Hideo Kishimoto, che in precedenza aveva accettato le rassicurazioni dell’esecutivo. Il primo cittadino ha quindi negato l’autorizzazione al riavvio di due reattori nella centrale.

Kishimoto ha detto: “Il primo ministro Kan ha fatto una dichiarazione in cui fa capire che gli stress test sono necessari per riavviare i reattori. Ho l’impressione che la mia decisione (di acconsentire al riavvio, ndr) sia priva di significato, e sono furioso. Voglio ritirare il mio assenso, se l’assemblea cittadina è d’accordo”. Anche il governatore della prefettura di Saga, Yasushi Furukawa, ha criticato il premier per la mancanza di una politica forte sul riavvio dei reattori.

La decisione del sindaco ha creato comunque incertezza sul fatto che altri impianti possano tornare operativi in tempi rapidi dopo la chiusura per controlli sulla sicurezza previsti per l’anno prossimo.

Il governo, intanto, sta studiando una nuova strategia per la produzione di elettricità, così da ridurre la dipendenza dal nucleare. Tuttavia il Paese non può per il momento evitare l’uso dei reattori, indispensabili per coprire le situazioni di picco di richiesta. Tokyo sperava che i test potessero ridurre la sfiducia del pubblico nell’energia atomica.

“Abbiamo confermato la sicurezza delle centrali nucleari a Saga, ma non posso negare che ci siano ancora persone che hanno dubbi e preoccupazioni sulla sicurezza”, ha detto il segretario capo di gabinetto, Yukio Edano. Quindi ha aggiunto: “Vogliamo che gli stress test siano un punto di riferimento per riavviare i reattori nucleari. Questo perchè il pubblico possa sentirsi più sicuro”.

L’impossibilità a riavviare gli impianti destinati a controllo permette di prevedere ulteriori interruzioni della fornitura elettrica e conseguenti problemi per l’industria nipponica, già in crisi a causa dei problemi del settore energetico emersi dopo lo tsunami.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008