cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

I privilegiati della Camera bocciano la legge contro l’omofobia

Autore: . Data: mercoledì, 27 luglio 2011Commenti (1)

Montecitorio ormai non ha più limiti. In nome di presunte pregiudiziali di costituzionalità Udc, Pdl e Lega hanno liquidato il ddl che avrebbe protetto i cittadini gay dalla violenza. Uno spettacolo miserando di integralismo cattolico.

Oltre il ragionevole una spiegazione data al voto dalla celtico padana Carolina Lussana. Secondo la seguace del Senatùr, il disegno di legge offriva “una protezione privilegiata alla persona offesa in ragione del proprio orientamento sessuale e in particolare discrimina fra chi subisce forme di violenza”.

Thomas Hammarberg, commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, che qualche giorno fa aveva invitato i parlamentari italiani a votare a favore dell’introduzione dell’omofobia come fattore di discriminazione e aggravante per i reati commessi ai danni di gay e lesbiche ha commentato: “Sono rattristato dal sentire che ancora una volta il Parlamento italiano ha bocciato la legge sull’omofobia”. “L’aver votato contro una proposta di legge sull’omofobia rischia di inviare ad alcuni un segnale negativo” ha continuato Hammarberg che ha ricordato come nonostante la bocciatura della legge il nostro Paese sia comunque tenuto a rispettare gli standard fissati dal Consiglio d’Europa sulla questione dell’omofobia.

La democrazia del nostro Paese è ogni giorno sempre più a rischio ed il Parlamento ormai non rappresenta più i sentimenti diffusi di un popolo intero. Gli italiani sono perfettamente in grado di riconoscere chi in nome di un credo religioso esprime le proprie idee e chi invece è disposto a sacrificare i diritti di qualcuno nell’illusione di ottenere vantaggi elettorali grazie al consenso delle gerarchie vaticane. Anch’esse del tutto distanti dai cuori dei fedeli.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • laura ha detto:

    Ciao amici, questa notizia mi intristisce perchè ancora una volta l’italia dimostra la sua arretratezza, dettata in questo caso da una profonda paura del diverso. Vi lascio un libro, lo sto finen do, molto bello. http://www.ebookvanilla.it/marcolino-e-lo-scambista.html

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008