cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Nestlè e il latte in polvere: denuncia delle Ong in Laos

Autore: . Data: lunedì, 27 giugno 2011Commenti (0)

Diciannove Ong internazionali presenti in Laos, tra le quali Save the Children, Oxfam, Care International, Plan International e World Vision, hanno intensificato le loro critiche contro quello che descrivono come “Marketing non etico delle Nestlé degli alimenti per lattanti”. Già un mese fa le Ong avevano annunciato l’intenzione di boicottare il concorso Nestlé 2012, con un premio di quasi mezzo milione di dollari, per “progetti innovativi per acqua, nutrizione e sviluppo rurale”.

Laurence Gray,  advocacy director di ‘World Vision’ per l’Asia-Pacifico, ha spiegato all’agenzia stampa umanitaria dell’Onu, Irin, che “alcune delle strategia di marketing presentano la formula come migliore dell’allattamento al seno. E non tengono conto delle circostanze necessarie per preparare la formula”.

Sia l’Unicef che l’Organizzazione mondiale della sanità sostengono che bisognerebbe allattare esclusivamente al seno i bambini fino a 6 mesi e poi completare l’alimentazione con l’allattamento al seno fino a due anni. Anche perché il latte artificiale nei Paesi poveri non è considerato sicuro come nei Paesi sviluppati.

Dopo l’attacco delle Ong, Ferhat Soygenis, senior corporate affairs manager e portavoce della Nestlé, si è precipitato a dire che “quando le madri non possono allattare al seno, il latte artificiale è l’unico prodotto riconosciuto dall’Oms come un sicuro e nutriente sostituto del latte materno”.

Ma il problema è che nei Paesi in via di sviluppo la formula del latte artificiale viene spesso  preparata in condizioni poco igieniche, con acqua non potabile e con istruzioni incomprensibili per madri che spesso sono analfabete o incapaci di decodificare istruzioni “tecniche”.

Gray ha inoltre spiegato che  “nelle nazioni povere, i bambini alimentati con latte artificiale hanno da 4 a 6 volte più probabilità di morire di malattie infettive rispetto ai bambini allattati al seno. Il problema non è la formula, ma la preparazione”.

In una lettera aperta inviata alla Nestlè il 24 maggio, le Ong che partecipano al boicottaggio hanno spiegato come la multinazionale avrebbe violato l’International Code of Marketing of Breast-Milk Substitutes del 1981: “Il marketing del latte artificiale mette ancora a rischio la salute dei neonati e dei bambini in Laos”.

La lettera è l’ultimo atto di una battaglia contro la Nestlé che dura dal 1977, condotta dalle organizzazioni che difendono i bambini direttamente nei villaggio e nei mercati di Paesi in via di sviluppo come il Pakistan e il Bangladesh e ora arrivata in Laos, rincorrendo il marketing dei poveri delle multinazionali del cibo.

Secondo Leila Srour, che lavora in Laos per Health Frontiers «Nestlé ha imparato l’arte della formula marketing dei prodotti con molte forme di pubblicità ingannevole nel Laos e nei Paesi di tutto il mondo. La Nestlé fa dichiarazioni infondate circa la capacità del suo latte artificiale di rendere i bambini più intelligenti, più forti e più alti, che minano l’allattamento al seno. I gruppi  a basso-medio reddito presi specificamente di mira dalla Nestlé non parlano inglese o tailandese, e le etichette dei prodotti e le istruzioni non sono tradotti nelle lingue locali». Le Ong accusano anche gli uomini della Nestlé di promuovere ‘utilizzo del latte artificiali con incentivi agli ospedali, regali e viaggi per i medici e le infermiere delle maternità,

Soygenis si difende dicendo che “la Nestlé sta attualmente indagando su ogni accusa contenuta nella lettera” ed ha promesso azioni correttive immediate se verrà rilevata la non conformità con il codice o la legislazione nazionale. Il che in un Paese come il Laos non è molto tranquillizzante.

Il rappresentante della Nestlè ha assicurato all’Irin: “Non ci sono incentivi offerti agli operatori sanitari per promuovere i prodotti Nestlé, nessuna immagine di bambini sulle confezioni, ci sono le etichette dei prodotti in cui si afferma che il latte materno è migliore per i bambini, e le istruzioni di preparazione che vengono presentate  graficamente”.

“Se Nestlé pensa – ha replicato Srour – che pagare per i voli in Thailandia per partecipare a conferenze non sia un grande incentivo per gli operatori sanitari, con stipendi molto bassi, non so a cosa stiano pensando. La questione della percezione del marketing ingannevole rimane la più problematica”.

La multinazionale continua comunque ad asserire di rispettare le normative locali e internazionali sul marketing dei prodotti: “Nei 152 Paesi ad alta mortalità e malnutrizione  infantile, come descritto dall’Unicef, applichiamo le rispettive legislazioni nazionali e/o il codice Oms, qualunque sia il più severo – ha detto Soygenis – E poiché la legislazione nazionale del Laos riguarda i prodotti e gli integratori alimentari per bambini per l’utilizzo fino a due anni di età, Nestlé ritiene di rispettare quella più severa”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008