cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

L’Europa limiterà la libera circolazione

Autore: . Data: mercoledì, 25 maggio 2011Commenti (0)

I venti razzisti non soffiano solo in Italia. La crisi politica dell’Ue sta portando alla modifica del regolamento sui visti.

La Commissaria europea per gli affari interni, Cecilia Malmstrom, ha presentato ieri un pacchetto di misure che modificano profondamente l’attuale normativa.

Malmstrom ha spiegato: “La situazione nel Mediterraneo meridionale continua a richiamare l’azione dell’Unione europea e la Ue ha adottato una serie di misure a breve termine per aiutare i paesi del Nord Africa e sostenere gli Stati membri in prima linea, assicurando una risposta coerente per coloro che hanno bisogno del nostro aiuto”.

“Ciò che vi propongo oggi – ha aggiunto – supera i bisogni urgenti. Il nostro piano è quello di sviluppare una cooperazione più strutturata con i paesi del Nord Africa. E’ interesse sia dell’Unione europea sia dei paesi del Nord Africa promuovere la mobilità e la migrazione ben gestita. L’Europa sarà sempre più dipendente dai lavoratori immigrati e il potenziale offerto dai paesi del Nord Africa dovrebbe essere colto in modo reciprocamente vantaggioso”.

Noi, ha continuato la Commissaria, “dobbiamo anche rendere più facile per studenti, ricercatori e uomini d’affari visitare gli altri Paesi. A tal fine abbiamo bisogno di aprire uno spiraglio maggiore nella sicurezza giuridica in Europa, intensificando la cooperazione con i nostri vicini meridionali, stabilendo regole chiare e garantire condizioni di sicurezza in modo che questo movimento soddisfi gli interessi di tutte le parti”.

Ma dopo tante affermazioni ‘di principio’ ecco la misura restrittiva nascosta da Malmstrom tra altre parole demagogiche: “Anche rendere più facile per le persone viaggiare verso l’Ue attraverso la liberalizzazione dei visti. Allo stesso tempo, dobbiamo assicurarci che i nostri accordi di liberalizzazione dei visti non vengano strumentalizzati. E’ per questo che oggi ho proposto di introdurre una clausola di salvaguardia per circostanze eccezionali e molto severe. Spero che ciò contribuisca a rafforzare negli Stati membri ’la fiducia e la volontà di introdurre regimi dei visti più liberi in futuro”.

Insomma, presunte e non meglio specificate “circostanze eccezionali” potranno portare a chiudere le frontiere. Ma in nome della “liberalizzazione”. La retorica è di casa anche a Bruxelles.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008