cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Libia, ucciso Nabbous, volto del ‘citizen Journalism’

Autore: . Data: lunedì, 21 marzo 2011Commenti (0)

E’ morto a Bengasi Mohammad Nabbous, il cronista più noto del cosiddetto ‘citizen journalism’, il giornalismo partecipativo che anche InviatoSpeciale cerca, nel suo piccolo, di diffondere e far conoscere.

Nabbous è stato ucciso tre giorni fa “apparentemente – ha riportato l’agenzia Ansa da fonti londinesi – da forze pro-Gheddafi”. Nabbous, soprannominato ‘Mò’, aveva fondato ‘Libya al-Hurra’ Tv, una stazione televisiva indipendente su internet e trasmetteva immagini e commenti dalla città libica in mano ai ribelli.

La morte di Nabbous fa seguito all’agguato contro il cameraman di al Jazira Ali Hassan al Jaber, deceduto in una imboscata fuori Bengasi, all’inizio della settimana scorsa.  In febbraio, nella prima trasmissione in diretta dopo l’inizio della rivolta, ‘Mò’ aveva affermato di “non aver paura di morire, ma paura di perdere la battaglia”.

Negli ultimi giorni e nelle ultime ore della sua vita, ha riferito ancora l’Ansa, “Nabbous aveva continuato a trasmettere in video e a fornire informazioni sul bombardamento della centrale elettrica di Bengasi il 17 marzo, i missili lanciati dalle forze pro-Gheddafi dalla vicina città di Sultan il 18 marzo, gli ulteriori attacchi della mattina di oggi”.

Il giornalista aveva inoltre raccontato “della morte di due bambini di 4 mesi e 5 anni, uccisi da un missile mentre dormivano nella loro camera da letto: ‘Cosa sarebbe successo se fosse stata la nostra casa, se fosse stata la nostra camera da letto’, aveva commentato il cronista in uno degli ultimi collegamenti”.

La morte di Nabbous è stata annunciata dalla moglie sulla sua tv: secondo la donna, il giornalista sarebbe stato colpito alla testa da cecchini fedeli al dittatore in Libia: “Voglio far sapere a tutti voi che Muhammed è morto per questa causa e speriamo che la Libia diventerà libera”, ha detto tra le lacrime. “Ho bisogno – ha aggiunto – che ognuno faccia tutto quello che può per questa causa. Per favore fate continuare questo canale e mobilitare le vostre autorità. Ci stanno ancora bombardando, stanno ancora sparando e molte persone moriranno. Non lasciate che ciò che ‘Mò’ iniziato finisca in niente, gente, fate sì che ne valga la pena”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008