cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Fiat, l’incognita del futuro

Autore: . Data: giovedì, 31 marzo 2011Commenti (0)

“L’utilizzo della rete italiana è al 54 per cento, e se consideriamo la capacità tecnica scende al 37, mentre negli altri impianti in Europa i parametri per misurare la saturazione si sono attestati rispettivamente al 126 e 78 per cento”. Accostando questi numeri, l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, ha preso le mosse per giustificare a posteriori gli accordi imposti a Pomigliano e Mirafiori e ribadire che le misure ‘lacrime e sangue’ non sono sufficienti.

Intervenendo durante l’assemblea degli azionisti del colosso dell’Auto, il manager italo-canadese è tornato sul “divario” tra i livelli di produttività subito prima di ribadire i motivi alla base della joint venture con Chrysler, che servirà a produrre nuovi ‘suv’ dal terzo o dal quarto trimestre del prossimo anno: 280 mila vetture all’anno, secondo gli auspici.

Ciononostante (come prevedibile) l’anno in corso si prospetta difficilissimo: “Ci aspettiamo un miglioramento generale dei mercati – ha sostenuto Marchionne – a eccezione di quello delle autovetture in Europa, la cui performance sarà influenzata negativamente dai cali previsti in Italia e in Francia”. L’obiettivo è raggiungere nel 2014 un fatturato di 64 miliardi di euro, quasi il doppio dell’anno scorso, che potrà arrivare a oltre 100 miliardi con Chrysler. Riguardo ai dividendi, la politica per quest’anno resterà invariata e prevede per Fiat Spa una distribuzione nell’ordine del 25% dell’utile netto consolidato, con il pagamento minimo di 100 milioni di euro.

Marchionne non ha evitato di tornare sull’argomento delle indiscrezioni dei giorni scorsi, diffuse dall’agenzia Reuters a proposito del possibile spostamento della sede del quartier generale del gruppo (da Torino a Detroit): “Non abbiamo deciso completamente niente e non c’è nessuna tempistica. Non è nella mia agenda”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008