cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Galbraith: “Il G20? Una perdita di tempo”

Autore: . Data: martedì, 16 novembre 2010Commenti (0)

Il G20 di Seul è stato “una perdita di tempo”, ha sottratto i capi di Stato ai loro impegni e “non ha mostrato alcuna prospettiva di coordinamento delle politiche”. Questo il duro giudizio espresso ieri da James Kenneth Galbraith, l’economista americano in questi giorni ospite a Roma per un convegno sulla crisi internazionale, e riferito da ‘Rassegna Sindacale’.

Il professore all’università del Texas ha poi analizzato i rapporti tra Usa e Cina. “Mi aspetto che a fronte della bassa crescita americana la Cina semplicemente si adatterà” ma, a suo giudizio, la proposta americana di porre un tetto agli squilibri commerciali non avrà seguito. E’ “illusoria e grottesca” l’idea di Larry Summers, consulente economico di Obama, di usare la politica monetaria espansiva della Fed per rilanciare l’export americano. Secondo Galbraith, infatti, servirà al massimo a spingere le borse e i titoli di Stato.

“Obama è stato bocciato nelle elezioni di midterm – ha proseguito – perchè le speranze suscitate dalla sua presidenza si sono rivelate illusorie: entrando alla Casa Bianca ha finito con il proseguire la politica finanziaria di Bush junior”. Sui temi economici, lo staff del presidente “è legato al passato, come dimostra la scelta di Geithner, che arriva dalla Fed di New York, o la riconferma di Bernanke per non parlare di Summers, ‘ripescato’ addirittura dalla presidenza Clinton”. Al contrario, ha sostenuto, “per cambiare politica bisogna cambiare persone”.

All’origine del calo di Obama c’è però anche il potere delle lobby. “Il governo non è intervenuto sul sistema finanziario e non è interessato a rappresentare i consumatori e questi ultimi, d’altro canto, non sono riusciti a contrastare i grandi gruppi di potere”. Nel sistema bipartitico americano, inoltre, “manca la flessibilità offerta da un’alternativa: gli elettori hanno dovuto scegliere fra un partito apertamente sostenuto dalle lobby e un altro supportato in maniera nascosta”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008