cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

‘Agende Rosse’ in piazza il 20 novembre

Autore: . Data: lunedì, 15 novembre 2010Commenti (0)

Il 20 novembre sarà una giornata importante per il cosiddetto ‘popolo delle Agende rosse’, il Movimento fondato da Salvatore Borsellino (il fratello del Giudice Paolo, assassinato il 19 luglio 1992): “Saremo in presidio, alle ore 10, davanti ai Tribunali di Milano, Firenze, Roma e Palermo e al fianco delle Agende Rosse saranno il Comitato Scorta Civica, l’Associazione tra i familiari delle Vittime di Via dei Georgofili e l’Associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia”.

Il presidio delle Procure “si è reso necessario – spiega una nota – per esprimere il nostro appoggio ai magistrati che indagano sulle stragi del biennio ’92-93 ed in particolare al Sostituto Procuratore Antonino Di Matteo che sta conducendo a Palermo delicate inchieste sulle collusioni mafia-potere. Di Matteo è finito nel mirino per alcune opinioni espresse come presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati di Palermo”.

Lo scorso 13 giugno Di Matteo si era espresso a tutela dei colleghi magistrati dopo l’ennesimo attacco mosso dal premier Silvio Berlusconi nei confronti dei giudici da lui definiti “politicizzati” e desiderosi di “rovesciare per via giudiziaria il risultato elettorale, il voto degli italiani”. Di Matteo aveva replicato a nome dell’Anm palermitana con le seguenti parole: “Continua la sistematica e violenta offensiva di denigrazione e isolamento di quei magistrati che credono ancora nel principio dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge. Noi resisteremo perché crediamo nella Costituzione sulla quale abbiamo giurato. Mi chiedo con quale faccia continuino a collaborare con questo Governo i colleghi distaccati al ministero della Giustizia che hanno giurato sulla stessa Costituzione”.

Il 14 giugno gli uffici del Ministero di Grazia e Giustizia avevano segnalato all’allora vicepresidente del Csm, Nicola Mancino, le dichiarazioni di Di Matteo chiedendo l’apertura di una pratica a tutela delle toghe che lavorano al ministero. La richiesta era stata archiviata il 1 luglio e la procura generale della Cassazione aveva successivamente trasmesso la richiesta di accertamenti alla procura generale di Palermo.

E’ notizia dell’11 novembre che il Pg di Palermo Luigi Croce ha risposto con una relazione in cui afferma che le dichiarazioni di Di Matteo sono state fatte come presidente dell’Associazione nazionale magistrati di Palermo e che, quindi, esse non sarebbero suscettibili di valutazioni disciplinari. Adesso la decisione conclusiva spetta alla procura generale della Cassazione.

“Il Movimento ‘Le Agende Rosse’ – si legge ancora – sottoscrive parola per parola le frasi pronunciate da Antonino Di Matteo. Riteniamo in particolare che le sue affermazioni in difesa dei magistrati che credono ancora nell’articolo 3 della Costituzione siano oggi più vere e necessarie che mai. Difficilissime indagini stanno cercando di fare luce sulla stagione delle stragi del biennio 1992-93 e sulle persistenti collusioni mafia-potere. Le notizie riguardanti pesanti minacce rivolte dalla criminalità organizzata agli inquirenti impegnati in queste delicate indagini si moltiplicano ogni giorno. E’ indispensabile che tutta la società civile e le Istituzioni reagiscano facendo scudo attorno ai destinatari di queste minacce, difendendoli e tutelandoli in ogni modo possibile. Rendiamoci conto che l’attacco delle cosche mafiose ed i tentativi di delegittimazione da parte di pezzi delle Istituzioni contro i più esposti esponenti dell’antimafia, indipendentemente dalla causalità degli avvenimenti, mettono in serio pericolo la vita di queste persone, perché i tentativi di isolamento – conclude la nota – potrebbero essere interpretati come un maggiore incentivo a portare avanti progetti stragisti”.

E’ prevista la diretta streaming delle manifestazioni sul sito www.19luglio1992.com.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008