cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Torino, in 200mila al Salone del Gusto

Autore: . Data: martedì, 26 ottobre 2010Commenti (0)

“Questo è il Salone del Gusto della maturità e una delle più belle edizioni di Terra Madre, dal punto di vista dei sedimenti di idee e progetti lasciati. La continuità tra le due manifestazioni è stata confermata dalla straordinaria partecipazione alle conferenze, in particolare quelle che hanno affrontato tematiche ambientali e sociali, come il land grabbing e il packaging sostenibile, e alle proposte educative di Slow Food: 5mila adulti hanno partecipato alle attività proposte da Slow Food Educa e oltre mille bambini hanno seguito il percorso educativo”. Così Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia, al termine dell’ottava edizione del ‘Salone del gusto’, svoltosi a Torino.

All’interno della manifestazione, molto spazio si è meritato la kermesse internazionale ‘Terra Madre’ (InviatoSpeciale se ne è già occupato nell’articolo leggibile qui): “Già venti leader africani hanno confermato il loro impegno per il progetto 1000 orti in Africa – ha aggiunto Burdese – che vedrà coinvolti inoltre agronomi italiani e africani e il team di esperti in energie rinnovabili che fa capo a Jeremy Rifkin che lavorerà su Marocco e Kenya. Crescono gli scambi: Slow Food Toscana ha avviato progetti in Macedonia, Kenya, Marocco e Georgia”.

La stima degli organizzatori è che quest’anno sia stato raggiunto l’obiettivo dei 200mila visitatori, di cui il 30% stranieri. Rispetto al 2008 poi si sono venduti più libri: un dato che rivela una mutazione culturale in atto nel pubblico del Salone, rispetto alla prima edizione del 1998.

“Il settore agroalimentare è strategico per l’Italia – ha concluso Burdese – e oggi sono quanto mai necessari investimenti a sostegno, ma soprattutto progettualità: deve diventare uno dei pilastri fondamentali dell’economia nazionale ed è anche per questo che Salone del Gusto e Terra Madre si aspettano di lavorare con le adeguate certezze”.

Nella foto (di Mario Carini): il fondatore di Slow Food, Carlin Petrini, con alcuni ospiti di ‘Terra Madre’

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008