cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » report, vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Camorra, tette e gigolò: signori venghino al circo del Grande Fratello

Autore: . Data: mercoledì, 27 ottobre 2010Commenti (0)

Si organizzano gite per visitare la scena del delitto di Avetrana? Le notizie sulla crisi latitano? I salottini del pomeriggio tv discutono del nulla? Non basta, adesso col reality di Canale 5 il trash raggiunge livelli inarrivabili.

Lunedì sera, nonostante la partita Napoli-Milan ed il film per la tv con Beppe Fiorello e Giorgio Faletti, la seconda puntata di ‘Grande Fratello 11′ è stata seguita in prima serata da 4.903.000 persone, con uno share 21,36 per cento ed un pubblico composto in gran parte da italiani tra i 15 ed i 34 anni. In seconda serata, quando la concorrenza è finita, sono arrivati quasi altri due milioni di nuovo ‘clienti’ portando l’esercito dei fedeli  a 6.700.000 spettatori (6.741.000 alle 22:05) e al 35,77 per cento di share alle 00:18.

Indubbiamente un successo e nuovo carburante per tenere in moto la macchina efficientissima del voyeurismo catodico e delle entrate pubblicitarie. E chi sono quest’anno le star di questa fortunata pietra miliare del trash televisivo?

Prima di tutto Ferdinando Giordano. Suo padre Matteo, morto sette anni fa, per fare audience è stato descritto come un boss della camorra, ma in realtà era un pescivendolo amico di Lucio Grimaldi, detto “o’ vampiro”, esponente di rilievo di un clan del centro storico di Salerno. L’uomo era un piccolo criminale, condannato un paio di volte per detenzione di armi non dichiarate e furti vari e fu ferito in un agguato criminale.

Il “figlio del boss”, in realtà un commesso di trent’anni che lavora non sa bene se a Napoli o Roma e come lui stesso ha dichiarato entrato nella casa perchè “è stata mia madre a spingermi a fare il provino”, ha scatenato subito una polemica.

Il presidente dell’Unione industriale di Napoli, Gianni Lettieri, ha scritto una lettera aperta al presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, sostenendo che “la camorra è un fenomeno grave e tragicamente violento che non merita in alcun modo di essere spettacolarizzato e tanto meno di diventare un argomento da reality show”.

L’imprenditore ha continuato: “Per giorni e giorni milioni di italiani saranno invasi dalla similitudine Napoli e camorra con il rischio, ulteriore, che la camorra venga alla fine considerata familiare o persino banalizzata a elemento di colore per un gioco televisivo”.

Come dargli torto? Infatti, subito la questione è stata ‘pompata’ dagli autori del programma e c’è stato il pianto di rito del concorrente, che in diretta e con gli occhi lucidi ha detto: “So chi sono e cosa porto nella Casa, non la camorra, ma rispetto e lealtà. E’ proprio grazie a mio padre che non mi interessa la camorra, io sono un’altra persona, i giornalisti possono scrivere ciò che credono, non ho paura. Le persone hanno bisogno di possibilità”.

Comunque Giordano, grazie al televoto che rimpingua le casse del Gf,  è stato votato come “il preferito” dal pubblico. A proposito del cosiddetto ‘popolo sovrano’, per conquistarsi il diritto di voto nella già plurisperimentata repubblica della democrazia televisiva a pagamento, si spende 1 euro iva inclusa.

Altro protagonista è Giuliano Cimetti, di professione operaio (sembra cassintegrato) e gigolò. Il mondo della prostituzione maschile è misterioso. Il 37enne di Fino Mornasco, in provincia di Como, sfoggia due tatuaggi sul braccio destro raffiguranti due teschi, mentre il braccio sinistro è completamente dipinto con altri teschietti che ridono. L’amatore, dietro compenso, dai tratti macabri ha anche un sorriso, se così può essere definito, tagliente e almeno nelle performance televisive è persona di rara antipatia.

Perchè delle signore annoiate debbano aprire il borsellino per trascorrere del tempo con lui è di certo il rebus più complesso tra tutti quelli proposti in anni di programmazione del Gf.

Ed anche il pubblico si pone la domanda. Hanno scritto alcuni navigatori del web: “Giuliano…..ma rimettiti il casco!!! Ma per piacere! Ma non scherziamo. Ma chi ci crede! E’ inchiavabile”. Oppure: “Giuliano e il suo scazzo perenne. Forse si può arrivare ad una soluzione senza interpellare Roberto Giacobbo di Voyager. Il gigolò della casa dice che volutamente non vuole interagire, non gli interessa far amicizia con nessuno,  non vuole confidare i suoi segreti. Parlando con Ferdinando dice di avere amici al di fuori della casa ma che con questi non parla mai apertamente dei suoi problemi. Nel frattempo David e Sheila dicono che Giuliano è l’unico che non si è riuscito ad integrare. Insomma, proprio il tipico ragazzo della compagnia che ti farebbe stramazzare a terra dalle risate”. E anche: “Avranno capito le ragazze che l’accompagnatore per signore è l’insospettabile e scazzatissimo Giuliano?”.

Eppure, nonostante l’evidenza che rende la professione di prostituto del giovanotto più che improbabile, sul personaggio il direttore più amato da Berlusconi dopo Minzolini, ovvero Alfonso Signorini, ha lanciato un dubbio amletico e preoccupante: non sarà che Giuliano ‘il furbo’ mostrandosi insopportabile sta mettendo in atto la “strategia dell’emarginato”.

Alessia Marcuzzi, un tempo sanamente autoronica, vestita col solito abito a risparmio di stoffa con effetto vedo e vedo di più, ha lasciato svolazzare il solito capezzolo e si è interessata a Norma. Per chi non lo sapesse la ragazza di cognome fa Silvestri ed è nata a Kinshasa, capitale della Repubblica democratica del Congo. E’ alta solo un metro e settanta, ma chissà perchè il sito del Grande Fratello la presenta come donna “dal corpo statuario” e con idee interessanti. Il suo uomo ideale deve essere “prestante e intelligente, fedele, simpatico e poi mi deve far sentire piccola e unica”. Con gli amici non ha “un rapporto morboso” perché “gli amici veri, che sono pochi, sono quelli che non ho bisogno di sentire e vedere spesso, proprio perché c’è un rapporto profondo e vero”. Ed infine ha sentito il bisogno di far sapere al mondo: “Sono contenta di quello che ho, ma sono ancora insoddisfatta di me, vorrei qualcosa di più, ho molti rimpianti perché voglio fare sempre tante cose ma spesso non concludo niente”.

Questo esempio di determinazione, tuttavia, è cliccatissima su internet, ma non per la simpatia che emana o per incontenibili performance di qualunque genere. E’ inseguitissima grazie alle docce, o meglio a grazie a quello che mostra durante lo svolgimento delle sue abluzioni. Ed un’altra cosa sta per accrescerne ulteriormente la notorietà: il web sta impazzendo per scoprire se è omosessuale.

Alle 23,50, forse il momento topico della puntata. A tale Sheila Capodanno è stato mostrato un video dal titolo ineccepibile. Ma ecco come Tv blog.it racconta gli avvenimenti: “Rieccoci in casa con Sheila, abbastanza preoccupata, alla quale viene mostrato nuovamente il filmato intitolato “Le mutande di Sheila” dove le ragazze la prendono in giro. Sheila: “Ti rendi conto l’epopea della valigia cosa ha creato qui dentro?“. David è stato mandato nella stanza delle sorprese dove ci sono dei vestiti che appartengono alla ragazza e altri che sono di qualcun altro. Adesso l’uomo delle bretelle dovrà scegliere i capi giusti che sono appesi sui fili mettendosi nei panni di Sheila. Per ogni capo indovinato, la ragazza ne avrà 5, se non avrà indovinato, 30 euro in meno dal budget per ogni indumento sbagliato. Primo indumento, la sottoveste. Sheila suggerisce la 3, David vorrebbe provarla… David le annusa e Alessia: “Le abbiamo lavate…”. Il ragazzo sceglie la n. 3 anche se inizialmente stava per scegliere la 1. Esatto”.

Se è vero che il potere del telecomando permette di cambiare canale, anche è vero che esiste un limite all’indecenza. La televisione italiana sembra averlo dimenticato e milioni di spettatori, specialmente i più giovani, crescono supponendo che questa sia la realtà.

Tuttavia la visione del Grande Fratello è educativa. Insegna come non si debbono fare i programmi ed è un peccato che probabilmente gli altri autori televisivi snobbino questo reality, perchè se lo guardassero con attenzione saprebbero come evitare di compiere errori analoghi.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008