cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Sakineh Mohammadi Ashtani sarà impiccata

Autore: . Data: mercoledì, 29 settembre 2010Commenti (0)

Gli omicidi di Stato continuano. L’esecuzione iraniana seguirà quelle degli Stati Uniti, del Giappone, della Cina e di altri numerosi Paesi nel mondo. E c’è anche il paradosso americano, dove non si uccide per mancanza di farmaci ‘utili’.

Gholam-Hossein Mohseni-Ejei, procuratore generale iraniano, ha reso noto che la condanna alla pena capirale per Sakineh Mohammadi Ashtani sarà eseguita per impiccagione.

Ha detto il magistrato che l’esecuzione avverrà per il reato di omicidio nei confronti del marito. Per il procuratore “secondo la legge attuale, la sua condanna a morte ha la precedenza sulla punizione” per l’altro reato del quale era accusata, l’adulterio. “La questione – ha aggiunto – non dovrebbe essere politicizzata e gli organi giudiziari iraniani non saranno influenzati dalla campagna di propaganda lanciata dai paesi occidentali”.

Sulla correttezza del processo, poi, sono molti i dubbi. Il figlio della donna, Sajad, ed il suo avvocato Houtan Kian,sostengono che la confessione dell’imputata sia stata estorta con la tortura e sia falsa.

Il 24 settembre era stata assassinata dallo Stato della Virginia, negli Usa, una donna con gravissimo deficit intellettivo, Teresa Lewis.

E proprio dagli States arriva una notizia agghiacciante. Molte esecuzioni sono state rinviate per la mancanza di una delle sostanze che vengono iniettate ai condannati a morte.

Nei 35 stati che utilizzano per uccidere ‘l’iniezione letale’ è diventato difficile reperire il Sodium Thiopental, un anestetico che compone il cocktail letale di sostanze utilizzate nelle stanze della morte.

Il surreale problema ha già provocato il mese scorso il rinvio di un’esecuzione in Oklahoma e per lo stesso motivo il governatore del Kentucky è stato costretto a posticipare altre due condanne a morte.

La Hospira Inc di Lake Forest, in Illinois, che produce il farmaco ha parlato di difficoltà nel reperimento delle materie prime che servono alla produzione dell’anestetico.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008