cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » in evidenza, politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Precari scuola, altro sciopero della fame

Autore: . Data: martedì, 7 settembre 2010Commenti (0)

“Sono un’insegnante precaria romana in sciopero della fame, convinta dell’urgenza anche di questa forma di lotta estrema e pacifica contro lo smantellamento violento e scellerato della scuola pubblica e statale che, insieme al più grande licenziamento di massa della storia della nostra Repubblica, si sta perpetrando sotto i nostri occhi”.

A scrivere è Giuliana Lilli in una breve lettera fatta pervenire ad InviatoSpeciale.

L’insegnante ha proseguito: “Unendomi al grido di indignazione già lanciato nei giorni scorsi dai miei colleghi di Palermo, mi appello a tutti i lavoratori della scuola, agli studenti, alle famiglie ed all’intera società, affinché prendano piena coscienza della gravità della situazione e reagiscano sostenendo, anche con la loro presenza in piazza, questa che, non già solo dei precari in mobilitazione, è una battaglia comune di civiltà perché i tagli all’istruzione minano le fondamenta di qualsiasi società civile impedendone lo sviluppo in senso etico, culturale ed anche economico”.

La docente, che insegna lingue, partecipa a Roma, insieme ad altre decine di lavoratori e lavoratrici della scuola, al presidio permanente davanti a palazzo Montecitorio.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008