cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Pakistan, la tragedia dimenticata

Autore: . Data: giovedì, 9 settembre 2010Commenti (0)

Colpiti oltre 15 milioni di abitanti. Peggio dello tsunami del 2004

E’ il maggior disastro umanitario della storia del Pakistan, eppure non tocca il cuore dell’Occidente. “Le piogge senza precedenti cadute a partire dal mese di luglio – ha scritto, in una lettera alla Caritas Internationalis riportata dalla agenzia Adista, il direttore della Caritas pakistana Joseph Coutts – hanno provocato una devastazione generalizzata in tutto il Paese, per oltre 1.500 chilometri”.

Più di 15 milioni di persone sono state colpite: “è più di quanto abbiano fatto lo tsunami asiatico del 2004, il terremoto del Kashmir del 2005 e quello di Haiti del 2010 messi insieme, per quanto il numero di morti, circa 2.000, sia per fortuna molto più basso” (rispetto, per esempio, alle circa 230mila vittime del terremoto haitiano).

Decine di migliaia di ettari di riso, canna da zucchero, mais e altre coltivazioni sono andati perduti e con essi gli allevamenti. E la nuova semina non sarà possibile prima di qualche mese. Ugualmente distrutte strade, ponti, ferrovie.

I gruppi di soccorso della Caritas pakistana, che, ricorda Coutts, lavora in stretta collaborazione con il governo e con altre ong internazionali e locali, “sono subito entrate in azione nelle quattro province colpite”, ma si tratta di un disastro “inimmaginabile” e il lavoro da svolgere è immane. “Pertanto, facciamo un appello all’Unione Europea, agli Stati Uniti e a tutti i governi del mondo perché appoggino generosamente i nostri sforzi nel gigantesco compito che ci troviamo di fronte. Molte organizzazioni locali e ong stanno rispondendo con generosità, ma le risorse locali non sono sufficienti”.

E addirittura “straordinaria” ha definito la carenza di aiuti il direttore delle operazioni di emergenza dell’Unicef, Louis George Arsenault, spiega sempre Adista, il quale si è appellato alla comunità internazionale perché intervenga urgentemente in soccorso del Paese. “Il nostro livello di necessità in termini di finanziamenti è enorme in confronto a quello che stiamo ricevendo, tanto più che questa è la maggiore crisi umanitaria a cui abbiamo assistito negli ultimi decenni”.

La stessa agenzia cattolica si chiede come mai tanto disinteresse verso questo Paese. Forse perchè sul Pakistan “piovono le accuse di collusione coi talebani afgani? Forse le catastrofi naturali ispirano sentimenti di solidarietà a seconda di dove accadono? E quanto può influire il fatto che presidente non ha neppure sospeso la sua visita all’estero mentre il suo Paese finiva sott’acqua?”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008