cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Milano, Romanì italiani da sgomberare

Autore: . Data: lunedì, 27 settembre 2010Commenti (0)

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la drammatica lettera di un gruppo di famiglie Romanì italiane a cui è stato intimato lo sfratto esecutivo dal campo nel quale vivono da oltre 20 anni.

“Scriviamo a nome delle famiglie di Romanì italiani che da oltre 20 anni abitano nel campo comunale di via Idro 62. Dal maggio dell’anno scorso si parla dello sgombero del nostro campo, ma in tutto questo tempo nessuno ci ha mai detto quando e come sarebbe avvenuto lo sgombero, e soprattutto quale sarebbe stato il nostro destino, di cittadini italiani che in questa zona risiedono, lavorano, mandano a scuola i figli.

Si sono presentati i vigili, notificando ad una ventina di famiglie (la quasi totalità del campo) un vero e proprio avviso di sfratto, esecutivo entro 48 ore. Difatti, in base ad una interpretazione del “Regolamento delle aree destinate ai nomadi nel territorio del Comune di Milano” [art. 12 par. a)], consegnatoci l’anno scorso, chi ha commesso reati perde “l’autorizzazione all’ammissione e permanenza” nel campo e “l’assegnazione del modulo abitativo”, e con lui tutto il nucleo famigliare.

Questo Regolamento è stato oggetto di diverse contestazioni, sia a livello italiano che da parte della Comunità Europea. Nessuno di quanti hanno ricevuto la notifica si è mai macchiato di reati particolarmente gravi, trattasi in buona parte di reati giudicati sospesi o di accattonaggio.

A qualcuno vengono addirittura contestati reati commessi negli anni ’70. Reati comunque antecedenti l’entrata in vigore di questo regolamento.

E’ una misura a nostro giudizio crudele e ingiusta, soprattutto quando riguarda tutto il nucleo famigliare. I nostri bambini hanno appena ricominciato l’anno scolastico. E’ lesivo dei diritti fondamentali della persona.

Noi, cittadini italiani, non abbiamo alcun posto dove andare, né riusciremo a trovarlo in 48 ore. A meno di non doverci accampare per protesta davanti a Palazzo Marino o alla Casa della Carità”.

Le famiglie del campo comunale di via Idro 62 a Milano

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008