cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Cittadini vessati. Sul lavoro

Autore: . Data: giovedì, 16 settembre 2010Commenti (0)

Secondo i dati raccolti dall’Istat sul disagio degli individui sul lavoro, il 9% dei 29 milioni e 128mila lavoratori che nel corso della loro vita hanno avuto superiori o colleghi o persone a loro sottoposte, dichiara di aver sofferto vessazioni o si è visto ridurre la propria mansione in ufficio.

Il 6,7% del totale dei lavoratori (oltre 29 milioni) ovvero un 1 mln e 455mila ha sperimentato una tale situazione di disagio negli ultimi tre anni e il 4,3% negli ultimi dodici mesi. A subire di più sono le donne (9,9%). I dati si riferiscono a persone che dichiarano di aver subito una o più volte al mese per almeno sei mesi tali vessazioni o per meno di sei mesi ma con una forte frequenza.

Un numero maggiore di lavoratori, 7 milioni e 948mila, ha invece vissuto situazioni di disagio per minor tempo ma una parte di questi lavoratori, 198mila, sono definibili “altamente a rischio” perché sono stati oggetto di comportamenti vessatori più volte al mese ma per una durata inferiore a sei mesi.

Sempre secondo le rilevazioni dell’istituto di ricerca, oltre la metà delle donne italiane tra i 14 e i 65 anni ha subito nell’arco della vita almeno una molestia sessuale, tra cui anche ricatti (di tipo sessuale) sul lavoro. In 10milioni e 485 mila (il 51,8% delle italiane) hanno subito molestie fisiche, verbali, pedinamenti, atti di esibizionismo, telefonate oscene, o ricatti sessuali sul lavoro.

Le più esposte sono le donne che abitano nei centri delle aree metropolitane (64,9%) e nei comuni periferici delle stesse 58,%. Vittime, con valori sopra la media, soprattutto le donne al Nord-Ovest (57,2%) e Nord est 54,3%, e in particolare in Piemonte, (58,9%), Lombardia, (56,9%), Emilia Romagna (56,3%), Liguria (55,5%).

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008