cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Intercettazioni? Pubblicabili “se rilevanti”

Autore: . Data: mercoledì, 21 luglio 2010Commenti (1)

Le novità in un emendamento: parziale marcia indietro del governo

Il governo ha presentato ieri l’atteso emendamento al ddl intercettazioni (per eventuali sub-emendamenti il termine è fissato per stamattina alle 9): nel testo è enunciato il principio secondo cui, nel corso delle indagini, l’obbligo del segreto per le intercettazioni cadrà ogni volta che ne sia stata valutata la rilevanza. E’ stata inserita la previsione in base alla quale la documentazione e gli atti relativi alle intercettazioni sono coperti da segreto fino al momento della cosiddetta “udienza-filtro”. In questo momento del processo, infatti, si selezionano le intercettazioni depositate dal Pm e si escludono quelle relative a fatti, circostanze o persone estranee alle indagini.

Facendo seguito a tale assunto, il governo ha dunque proposto di sopprimere la parte del testo nel quale si prevede il divieto di pubblicazione delle intercettazioni sino alla conclusione delle indagini. Ed è stata eliminata anche la norma che specificava il regime delle intercettazioni allegate all’ordinanza cautelare. Le intercettazioni, comunque, restano coperte dal segreto fino a quando le parti non ne vengano a conoscenza.

La proposta di modifica è stata avanzata dal discusso sottosegretario Giacomo Caliendo (contro il quale ieri l’Italia dei Valori ha presentato una mozione di sfiducia per il presunto coinvolgimento nel caso-P3) e disciplina anche i casi in cui il giudice e il Pm, prima che ci sia l’”udienza-filtro”, utilizzino le intercettazioni per emettere, ad esempio, dei provvedimenti cautelari oppure per atti che riguardano la ricerca della prova (ad esempio, un’ordinanza di custodia cautelare oppure un decreto di perquisizione). In questi casi, saranno il Pm e il giudice a dover selezionare quali conversazioni dovranno essere trascritte, in quanto rilevanti, per adottare la misura cautelare o l’atto d’indagine.

Il meccanismo previsto implica la necessità di restituire al Pm la facoltà di operare uno stralcio per tutelare la segretezza delle indagini. Giudice e Pm potranno poi disporre, con decreto motivato, l’obbligo del segreto, quando il contenuto delle conversazioni trascritte potrà ledere la riservatezza delle persone coinvolte. I difensori potranno estrarre copia delle trascrizioni e potranno trasferire le registrazioni su un supporto informatico. Si stabilisce, infine, che, dopo la conclusione delle indagini preliminari, nell’udienza preliminare e nel dibattimento, il giudice potrà sempre disporre su richiesta delle parti o anche d’ufficio l’esame dei verbali e l’ascolto delle registrazioni custodite nell’archivio riservato e potrà acquisire con ordinanza le intercettazioni in precedenza ritenute prive di rilevanza.

Tra i commenti, da segnalare il giudizio positivo dei parlamentari vicini al presidente della Camera Fini: “Cade così il bavaglio per la stampa – ha commentato la deputata Annamaria Siliquini – è una vittoria del Parlamento”. In seguito al “dialogo e al confronto, anche acceso, il governo è venuto a lavorare in Parlamento e abbiamo vinto noi”.

Mentre il Pd ha definito “inopportuna” la circostanza che a seguire l’iter per conto del governo sia il sottosegretario Caliendo, dopo il suo coinvolgimento nelle inchieste sulla cosiddetta “P3″.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (1) »

  • intercettazioni ha detto:

    Il telefono “stealth phone” della Endoacustica Europe srl, è un dispositivo anti intercettazione. Cambia automaticamente il suo numero di IMEI (identificativo del telefono), ogni volta che si spegne e si riaccende il telefono. E’ un cellulare invisibile, non puo’pertanto essere ascoltato dagli odierni dispositivi di intercettazione. Un dispositivo indispensabile per proteggere la propria privacy, contro le intercettazioni illegali.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008