cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Grazie ai migranti si pagano le pensioni

Autore: . Data: martedì, 15 giugno 2010Commenti (0)

Fini ricorda l’importanza dei lavoratori stranieri e chiede una modifica delle normative

L’autore della legge ‘Bossi-Fini’, ovvero l’attuale presidente della Camera, ha insistito ieri nella sua più recente battaglia per modificare le norme che regolano la concessione dei permessi di lavoro in Italia per gli stranieri.

In questo Paese è possibile anche contestare se stessi, ma comunque il nuovo ‘posizionamento’ dell’ex leader di An è certamente importante per la difesa dei diritti dei migranti.

Per il presidente della Camera i dati dell’indagine della commissione Lavoro della Camera sul lavoro sommerso “inducono ad una riflessione importante circa l’esigenza di favorire un corretto incontro tra domanda ed offerta di lavoro straniero, partendo dal dato inconfutabile che la richiesta attuale di manodopera viene considerata non adeguatamente soddisfatta”.

Fini quindi ha aggiunto: ” La questione richiede una riflessione sulle stesse modalità di ingresso nel Paese e ciò per evitare il diffondersi del lavoro sommerso che riguarda sicuramente gli immigrati irregolari ma, in misura maggiore, quelli regolari con lavoro stabile”.

Secondo il co-fondatore ‘discolo’ del Pdl “si tratta di temi che non possiamo far finta di non vedere. La politica infatti deve comprendere queste dinamiche, facendosi carico di affrontare i problemi che sono sotto gli occhi di tutti”.

Poi Fini ha ricordato un dato che viene accuratamente tenuto nascosto da molte forze politiche, giornali, intellettuali (veri o presunti), sindacati ed organizzazioni degli imprenditori: secondo l’Inps, ha detto il presidente della Camera, “occorrerebbero all’incirca 300mila lavoratori stranieri all’anno per assicurare l’entrata di contributi previdenziali in grado di pagare le nostre pensioni”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008