cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Irlanda: qualcuno vorrebbe seppellire tutto

Autore: . Data: giovedì, 13 maggio 2010Commenti (0)

L’arcivescovo di Dublino, Diarmuid Martin denuncia i tentativi di una parte della Chiesa cattolica per insabbiare lo scandalo della pedofilia.

Monsignor Martin, in un discorso tenuto nella capitale irlandese ha detto che “ci sono forze potenti nella Chiesa in Irlanda che preferirebbero che la verità sullo scandalo degli abusi non emergesse”, aggiungendo anche siano presenti “segni preoccupanti di rifiuto inconscio da parte di molti circa l’entità degli abusi che si sono verificati”.

Per monsignor Martin la gestione dell’intera vicenda “è stata disastrosa” e le norme in materia di abuso spesso “non sono applicate con il rigore necessario”.

L’arcivescovo, che è stato uno dei protagonisti della battaglia contro gli abusi sessuali in Irlanda, ed ha affermato: “La verità ci renderà liberi, anche quando questa verità è scomoda. Ci sono segni di rifiuto inconscio da parte di molti circa l’entità degli abusi avvenuti all’interno della chiesa di Gesù Cristo in Irlanda e su come sono stati coperti. Ci sono altri segni di rifiuto del senso di responsabilità rispetto a quanto è accaduto. Ci sono ancora segnali preoccupanti che, nonostante le normative solide, tali norme non siano rispettate con il rigore necessario”.

“A livello puramente personale – ha spiegato Martin – da quando sono diventato arcivescovo di Dublino, non mi sono mai sentito così avvilito e scoraggiato circa il livello di disponibilità ad iniziare veramente quello che dovrà essere un percorso doloroso di rinnovamento”.

Poi, l’alto prelato ha manifestato la propria sorpresa per il modo in cui alcuni studiosi e giornalisti cattolici affrontano l’origine degli abusi sessuali nella Chiesa, “come se fossero totalmente estranei allo scandalo”.

L’arcivescovo a questo proposito ha chiamato in causa le responsabilità di una cultura interna alla Chiesa “che ha prodotto sia coloro che hanno abusato sia una cattiva gestione dei casi”. “Alcuni rispondono – ha insistito – che gli abusi sessuali dei preti costituisce solo una piccola percentuale degli abusi sessuali dei bambini nella nostra società in generale. Questo è un dato di fatto. Ma questo fatto importante non dovrebbe mai apparire in alcun modo come un tentativo di sminuire la gravità di quello che ha avuto luogo nella Chiesa di Cristo”. “La Chiesa – ha affermato l’arcivescovo – è diversa: la Chiesa è un luogo dove i bambini dovrebbero essere oggetto di speciale protezione e cura. Il Vangelo ci presenta i bambini in una luce speciale» e riserva alcuni dei suoi strali più «a coloro che ignorano o scandalizzare i bambini in qualsiasi modo”. In quanto alle vittime, l’arcivescovo ha osservato che queste ultime hanno visto “la loro infanzia rubata”.

“Nei miei anni come arcivescovo – ha aggiunto – ho imparato moltissimo dai sopravvissuti, come mi hanno permesso di conoscere qualcosa del loro dolore e delle loro speranze e anche del vuoto spirituale che è rimasto a molti a causa del tradimento da parte loro chiesa”. “Io uso il termine vuoto spirituale – ha detto ancora Martin – perchè è un’espressione che hanno utilizzato alcuni sopravvissuti per esprimere come si sentono nella loro vita”, e tuttavia ha spiegato ancora l’arcivescovo, essi sono stati in grado di trasmettermi “una forza spirituale profonda, per questo li ringrazio”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008