cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

In festa la scuola dei Romanì

Autore: . Data: martedì, 4 maggio 2010Commenti (0)

Il 9 maggio iniziativa di solidarietà a Milano

Il loro motto? “L’unica vera razza che conosco è quella umana”, firmato Albert Einstein. Si tratta degli organizzatori di “LaPrimaVeraScuola, Rubattino e altre storie” (il Comitato di Zona 3 per una Scuola di Qualità e www.retescuole.net), kermesse solidale messa in piedi da cittadini, insegnanti e da tutti coloro che hanno mostrato in questi mesi la loro indignazione contro gli sgomberi della comunità Romanì nel capoluogo lombardo. Sgomberi che hanno di fatto causato l’impossibilità per moltissimi bambini a frequentare la scuola. La manifestazione è prevista a Milano domenica 9 maggio, dalle 11 alle 19, in piazza Leonardo da Vinci.

“Noi, maestre e maestri, professoresse e professori, mamme e papà, bambine e bambini, ragazze e ragazzi delle scuole di Milano – si legge in una nota diffusa ieri – vi invitiamo insieme ad attori, cabarettisti, musicisti, poeti e scrittori che amano la nostra città: ci saranno i cittadini che credono in una scuola pubblica, rispettosa, intelligente, ricca e propositiva”.

“Ci saranno – si legge ancora – le bambine e i bambini stranieri che vogliono continuare a stare in classe con i loro compagni italiani e che non capiscono il significato delle parole ‘quote’ o ‘classi ponte’. Ci saranno le maestre e i maestri, le prof e i prof che credono nella scuola pubblica di qualità e che difendono il diritto di tutti ad avere una istruzione adeguata. Ci saranno le mamme e i papà e tutte le altre persone che si vergognano di un Paese che aumenta le spese militari e taglia quelle per l’istruzione e la cultura. Ci saranno le bambine e i bambini rom dell’ex campo di Rubattino che sono stati sgomberati diverse volte da vari accampamenti della città. Ci saranno i milanesi che credono in una città solidale, accogliente, europea, giusta e libera da ogni pregiudizio”.

Il programma della giornata prevede dalle 11.00 giochi e bigliodromo, la gara di biglie più pazza di Milano, a cura dell’Associazione WIB. Dalle 12.30, “cibi e sapori dal mondo”, mentre nel pomeriggio sono previsti spettacoli musicali e teatrali e gli interventi di Allayali di Aziz Rihai, gruppo arabo dell’Orchestra di via Padova, Muzikanti di Balval, Blue Cacao, Brincadera, Contrabbanda, Rosa dei Venti, Rhapsodija Trio, Cabaret Migrante. Seguirà il video “Mi sun Romanes” di Paolo Poce e sarà possibile visitare la mostra “Immagini e storie dei bambini di Rubattino”. E, ancora, i laboratori didattici e creativi a cura di Centri Rousseau, Arci Milano ed Emergency.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008