cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Whitney Houston ricoverata a Parigi

Autore: . Data: giovedì, 8 aprile 2010Commenti (2)

La cantante afroamericana, colpita da una presunta infezione respiratoria, ha posticipato le date del suo tour europeo. Una voce straordinaria ed una vita dannata.

La Rca, etichetta del colosso Sony music entertainment, ha reso noto che Withney Houston a causa di un malessere fisico ha rinviato il concerto di apertura del tour europeo che avrebbe dovuto prendere il via martedì a Parigi e non potra esibirsi a Manchester l’8 e 9 aprile. I concerti inglesi sono stati riprogrammati per il 16 e 17 giugno. Anche il suo show di Glasgow in calendario per l’11 aprile è stato rinviato al primo maggio.

I suoi tour manager hanno affermato dalla capitale francese: “I medici l’hanno visitata la notte scorsa a Parigi e hanno confermato che soffre di una infezione alla vie respiratorie superiori”. I giornali d’oltralpe hanno scritto ieri che la cantante è stata ricoverata in ospedale.

L’artista nera è nata a pochi chilometri da New York, a Newark nel New Jersey, e come Frank Sinatra è stata a volte chiamata semplicemente ‘The Voice’. Figlia d’arte, sua madre era Cissy Houston (componente del gruppo The Sweet Inspirations), era anche la nipote della famosissima Dionne Warwick. Tuttavia, la sua voce inarrivabile, la sua bellezza, i milioni di dollari guadagnati grazie alla vendita di ben 140 milioni di dischi e 6 Grammy, 21 American Music Award, sei Peoplès Choice Awards, due Emmy e 15 Billboard Music Awards non l’hanno protetta da un destino drammatico.

Il suo legame con Robert Barisford Brown, in arte Bobby Brown, un mediocre cantante, ma assiduo consumatore di droga, per 17 anni l’ha travolta, spingendola nell’incubo della tossicodipendenza e della violenza familiare. Nel 2006 la cognata Tina Brown, anche lei con un passato da tossica, rilasciò una intervista al quotidiano ‘The Sun’ nella quale dichiarò: ” “La verità è che deve uscirne. Whitney non riesce a fare a meno delle droghe. E’ una cosa di tutti i giorni. E’ orribile. Siamo tutti preoccupati, potrebbe morire di overdose” e raccontò che la cantante quando era sotto l’effetto di droghe vedeva demoni ed immaginava che la picchiassero. Brown concluse dicendo “Io capisco quello che sta passando. La dipendenza è una malattia. Forse questa intervista le salverà la vita.”

L’articolo fu corredato di foto agghiaccianti nelle quali si vedeva il bagno della star pieno di ogni tipo di stupefacente, lercio e sottosopra. Dopo qualche mese dalle rivelazioni della cognata  Whitney Houston annunciò il divorzio e sembrò volersi salvare dall’incubo nel quale era caduta.

Negli anni di matrimonio la coppia ha avuto problemi anche con la legge per via della droga ed in un caso Bobby Brown, completamente fatto,costrinse la polizia a colpirlo con una pistola elettrica per fermarlo mentre tentava di aggredire la moglie.

Dopo la fine della relazione con Brown e la disintossicazione l’artista afroamericana annunciò di voler riprendere l’attività con il lancio di un nuovo album prodotto da Clive Davis, fondatore della Arista Records e della J Records. Ma il suo nuovo lavoro, ‘I Look to You’ uscì solo tre anni dopo, il 31 agosto del 2009, scalando però immediatamente le classifiche mondiali degli album più venduti.

Secondo ‘Rolling Stone’, Whitney Houston è tra le 100 migliori voci di tutti i tempi ed in 25 anni di carriera la cantante, che oggi ha 47 anni, è anche l’autrice del singolo più venduto nella storia, ‘I Will Always Love Yoo’, che era la colonna sonora di ‘The Bodyguard’, il film interpretato con di Kevin Kostner.

Nonostante i ‘buoni presagi’ alcuni giornali statunitensi, verso la fine del 2009, hanno scritto: “Whitney Houston’s recent erratic behavior has friends fearing she’s using drugs again and will wreck her comeback. The pop diva – who’s publicly admitted to battling drugs for years – has been on top of the charts with a new CD, but she’s now displaying the same sketchy behavior that blighted her once blazing hot career, say insiders… “, in italiano “Il recente comportamento irregolare di Whitney Houston ha fatto temere ai suoi amici che stia usando le droghe di nuovo e sarà un bel casino ritornare in questa situazione. La diva pop – che ha ammesso pubblicamente di combattere la droga da anni – è stata in cima alle classifiche con un nuovo CD, ma ora vedere lo stesso comportamento che ha rovinato la sua sfolgorante carriera, ci riporta a preoccuparci, dicono i ben informati…”.

In realtà il volto della cantante ha una espressione ben diversa da quello bellissimo e dal sorriso leggero di quando iniziò la sua intensa carriera musicale. Adesso ‘l’incidente’ parigino. Eppure, se pagine e pagine sono state consumate per raccontare la vita ‘maledetta’ di Whitney Houston, quasi nulla si sa del perchè una ragazza del New Jersey, diventata una star internazionale, ricca e famosa si sia autodistrutta in quel modo.

E neppure lei ha saputo ripercorrere le tappe di questo viaggio all’inferno. Un errore, almeno fino ad oggi, perchè forse parlarne potrebbe diventare il suo lavoro più bello.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (2) »

  • laverita' ha detto:

    povera donna, è come tutti gli esseri umani che NON sono in grado di gestire il denaro, non riescono a comprendere cio’ è che BASE per la vita, cio’ che DA’ la vita, e dimenticandosene, si finisce all’inferno… povera donna, circondata da uomini che peggio non si puo’ , difficile risalire le scale da quell’imbuto infernale, ma e’ creatura voluta da Dio riuscira’… e me lo auguro tanto

    nessuno riesce a gestire il denaro se vive nel denaro !
    come sperare che una pecora non si sporchi se vive nel porcile dei maiali ?

  • NON CONNESSO ha detto:

    IO non riesco ad arrivare a fine mese…. e questi pieni di soldi si devastano il cervello e l’anima con le droghe…povera anima.Meglio senza soldi….

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008