cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Ricongiungimenti: la Cei critica le norme in vigore

Autore: . Data: giovedì, 29 aprile 2010Commenti (0)

Permettere l’arrivo dei figli e ricomporre le famiglie è un modo per costruire relazioni sociali più profonde.

Padre Gianromano Gnesotto, della Fondazione Migrantes’ una delle articolazioni della Conferenza episcopale italiana ha condannato quanto sta avvenendo nel nostro Paese riguardo ai ricongiungimenti familiari della popolazione immigrata.

In Italia, secondo Gnesotto, tra la popolazione immigrata si assiste alla “dolorosa realtà” dei “ricongiungimenti a rate”, specie con i minori. “Prima arrivano i figli più grandi e per ultimi quelli più piccoli, con delle ripercussioni psicologiche e affettive nei confronti dei genitori facilmente immaginabili, con faticose ricostruzioni di rapporti di intimità in terra di emigrazione”.

Il rappresentante di Migrantes ha spiegato: “Uso il termine ‘a rate’ per un riferimento economico legato alla disponibilità di un reddito adeguato per il ricongiungimento in Italia. La normativa italiana, infatti, pone tra i requisiti necessari un reddito annuo derivante da fonti lecite, non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale, se si chiede il ricongiungimento di un solo familiare, al doppio dell’importo annuo dell’assegno sociale se si chiede il ricongiungimento di due o tre familiari, il triplo per il ricongiungimento di quattro o più familiari”.

Per questo si sceglie di ricongiungere prima i figli che più si avvicinano alla maggiore età. “Dal punto di vista educativo – ha osservato il sacerdote – queste lunghe parentesi di genitorialità a distanza possono pesare parecchio sulla capacità di ricostruire rapporti di confidenza”.

Una ricerca sulla prima città italiana per numero di immigrati, Milano, ha mostrato che la metà degli immigrati ha impiegato più di sette anni per il ricongiungimento dell’intero nucleo familiare.

“Fondamentalmente perchè -  ha commentato padre Gnesotto – la normativa italiana riguardante l’immigrazione, in linea con quella europea, stabilisce dei requisiti rigidi per quanto riguarda il reddito e l’alloggio, ingenerando la sottomissione di un diritto fondamentale a requisiti economici”.

È un peccato perchè la “famiglia ricongiunta nei territori di accoglienza” si rivela essere l’ambito principale dove “si elabora l’inclusione sociale”, funziona cioè “come luogo importante d’apprendimento reciproco e di doppia mediazione linguistica e culturale. I figli spesso assumono il ruolo di mediatori, interpreti e portavoce dei bisogni familiari. La famiglia diviene laboratorio dell’integrazione socio-culturale”, l’esponente della Cei.

“L’urgenza di disegnare prospettive per l’Europa delle persone in movimento, trova nella famiglia ricongiunta – ha concluso Gnesotto – il superamento di almeno due prospettive fuorvianti: ritenere che l’immigrazione sia un fenomeno temporaneo e che sia un fenomeno da trattare con una logica emergenziale”.

I cattolici ad altronza di Lega e Pdl su questi argomenti però sono ‘eretici’. Il razzismo porta più voti.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008