cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Viareggio: “uno spiacevolissimo episodio”

Autore: . Data: venerdì, 5 marzo 2010Commenti (0)

L’Ad delle Ferrovie considerà così la strage della stazione.

Indignazione a Viareggio per il modo in cui l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti, in un’audizione al Senato ai primi di febbraio, avrebbe definito la strage di Viareggio, 32 morti “uno spiacevolissimo episodio”.

Il quotidiano ‘Il Tirreno’, che ha dato notizia dell’audizione, ha lanciato una petizione on line (‘Moretti chieda scusa e venga a Viareggio’).

Intanto le Associazioni e famigliari delle vittime invitano Moretti a dimettersi e protestano con l’appoggio del comume della cittadina toscana.

Rivolgendosi all’Ad delle Ferrovie, Luciana Beretti che ha perso il figlio, la nuora e i due consuoceri ha sostenuto: “Farebbe meglio a non parlare ed il sindaco, Luca Lunardini, ha scritto a Moretti.

“Apprendo con stupore di alcune sue dichiarazioni – ha affermato il primo cittadino -. Mi sia concesso di esprimere, a nome e per conto della città di Viareggio, lo sconcerto che hanno suscitato nella comunità viareggina, nel tono e nella sostanza, alcuni passaggi della sua audizione. Il definire ‘spiacevolissimo episodio’ il dramma vissuto dalla città appare dolorosamente riduttivo e offensivo per quelle famiglie che hanno avuto morti, feriti, devastazioni, e il proprio futuro distrutto, da un disastro che non è stato un evento naturale e che poteva essere evitato: 32 bare, alcune delle quali bianche, sono assai di più di uno spiacevolissimo episodio”.

Lunardini ha invitato Moretti a Viareggio “per aiutarla – ha concluso nella sua missiva – a comprendere quando sia stato profondamente lacerato il tessuto cittadino e magari anche per incontrare i familiari delle vittime”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008