cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

In difesa del cane

Autore: . Data: venerdì, 5 marzo 2010Commenti (3)

Non sempre gli umani lo riconoscono come il loro ‘miglior amico’.

Sono oltre 70 mila i cani abbandonati o senza casa ospitati nei canili pugliesi e mediamente tutti in condizioni pessime.

La Coalizione internazionale contro la tortura organizzata dei cani (Cicto), che unisce oltre sessanta organizzazioni per la difesa degli animali in Europa, si sta battendo affinchè questi animali siano adottati, in Italia e all’estero, dopo essere stati curati, vaccinati ed i loro dati inseriti in una anagrafe canina.

I rappresentanti della Cicto hanno incontrato i giornalisti per chiarire il loro impegno a favore dei cani, difendendosi contro voci e illazioni di un presunto commercio lucrativo di cani randagi derivanti da canili italiani e destinati alla vivisezione.

In tal senso la Cicto sta collaborando con la Polizia italiana per capire se esistono casi sospetti ed offre un premio di diecimila euro a chi procura prove utilizzabili in tribunale contro chi pratica la vivisezione.

“Sappiamo – ha detto la presidente della Cicto, Yvonne Risch – che l’adozione dei cani non è la soluzione dei problemi dei canili italiani e meridionali dove il maltrattamento è costume e business in quanto grazie alla legge nazionale 281/91 gli animali randagi non si abbattono più, ma vengono affidati ai canili però in condizioni orrende”.

“Ci impegniamo – ha concluso Yvonne Risch – a sensibilizzare l’opinione pubblica e le amministrazioni locali a sterilizzare i randagi, perchè rappresenta l’unico modo per controllare lo sviluppo del fenomeno e di pari passo avviare l’adozione sistematica e continua”.

Davvero non sempre gli ‘umani’ non ricambiano l’affetto che i cani hanno per loro.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti (3) »

  • ludovica ha detto:

    io sto pe adottare un cane al canile,perch

  • ludovica ha detto:

    sto per adottare al canile un cane,infatti io non prendo un cane di razza
    pura e costosa per apparire,ma per donare affetto ad un nuovo membro della famiglia…e soprattutto chi compra oadotta un cane deve sapere che non

  • VANESSA ha detto:

    … vi devo raccontare un fatto k mi e successo…………………
    qnd ancora c era la scuola tornavo a casa cn una mia amica e vicino a casa sua c era sempre una cagna, la mia preferita… era come se fosse il mio cane… a volte pure qnd uscivo la sera la incontravo e le facevo delle carezze… sapevo dove andava cosa faceva… avevo perfino pensato di insegnarli dei comandi… fino a quando è sparita e di lei nn si e più vista la minima traccia… un giorno pero una signora k sapeva qnt bene li volevo, mi disse k l avevano presa e portata in un canile… io finche nn la rivedro nn saro più la stessa di prima… lo so k nn dovrei stare cosi male anke perche le hanno trovato una casa pero la vorrei tanto riabbracciare e dirle k gli voglio un bene dell anima…

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008