cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Arrivano a scuola le macchine per distribuire preservativi

Autore: . Data: mercoledì, 31 marzo 2010Commenti (0)

Con coraggio il liceo Keplero di Roma ha affrontato il grave problema delle malattie sessualmente trasmissibili.

Ignorando le polemiche e le critiche degli irresponsabili nel liceo scientifico Keplero di Roma sono arrivati i distributori di profilattici.

Sono sei macchinette ed erano attese da circa un mese e sono state installate venerdì scorso, quando l’istituto è stato chiuso in vista delle elezioni.

Gli studenti troveranno i distributori  il 7 aprile, al loro rientro dopo le vacanze per Pasqua. Però già qualcuno li ha inaugurati.

“Ho comprato un preservativo come gesto simbolico – ha detto Alberto Belloni, rappresentante degli studenti e presente al momento dell’installazione – al rientro dalle vacanze potranno farlo anche tutti gli altri”.

Il preside Antonio Panaccione è “molto soddisfatto” ed ha spiegato: “Parallelamente inizieranno anche i corsi di educazione alla salute e alla sessualità”.

Le macchinette, montate nei bagni degli studenti, sia nella sede centrale di via Gherardi, sia nella succursale di via delle Vigne, offrono preservativi ed assorbenti per le ragazze a prezzi ridotti: due euro per tre profilattici, un euro per due assorbenti.

Belloni ha continuato: “Non ci siamo fatti spaventare dalle critiche e siamo andati avanti per la nostra strada. Portare i condom a scuola non significa invitarci a fare sesso nei bagni ma metterci a disposizione il mezzo più sicuro per proteggerci dalle malattie sessualmente trasmissibili, che sono in continuo aumento”.

Lunedì 12 aprile partiranno nella scuola anche i corsi di educazione alla salute tenuti dalla Lega italiana per la lotta all’Aids (Lila) per tre settimane.

Ad essere coinvolti cinque équipe di ragazzi che lavoreranno con il metodo della ‘peer education’, educazione alla pari. Un gruppo di studenti parteciperà ai seminari ed avrà il compito di trasmettere al resto della classe le informazioni.

“Il Keplero si è dimostrata una comunità coesa, un laboratorio di partecipazione – ha commentato Gianluca Peciola, promotore della mozione della Provincia di Roma che l’estate scorsa ha aperto ai distributori di profilattici nelle scuole superiori – La scuola ha saputo rimanere unita nonostante le pressioni e ha messo al primo posto la salute dei ragazzi, spero che anche altre scuole del nostro territorio aderiscano a questo importante progetto sperimentale”.

Lo stesso pensiero degli studenti di ScuolaZoo.it, che ha promosso l’iniziativa al Keplero e il cui messaggio, rivolto a tutti gli studenti d’Italia, è importante: “Se vuoi amare fallo con la testa. Proponi al tuo preside l’installazione gratuita di distributori di preservativi e assorbenti nella tua scuola”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008