cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Lo sciopero conteso di Alitalia Cai

Autore: . Data: mercoledì, 17 febbraio 2010Commenti (0)

Singolari i dati diffusi dall’azienda. Per i sindacati alta adesione.

Per la Compagnia solo “25 piloti e 45 assistenti di volo” avrebbero aderito allo sciopero di 4 ore in Alitalia e questo “non ha comportato conseguenze sulla regolarità dei voli previsti dalla compagnia che ha operato il 100 per cento di quelli programmati”.

Per l’azienda e stata “molto buona” la puntualità dei voli “che alle 16 risultava di circa il 90 per cento sulla rete nazionale”. Infine la direzione di Alitalia Cai ha ringraziato “tutti i propri dipendenti che nei giorni scorsi e nella giornata di oggi si sono impegnati per assicurare la continuità e la qualità del servizio”, mostrando poca sensibilità nei confronti di chi invece ha deciso di astenersi dal lavoro.

Opposte le valutazioni dei sindacati. Il segretario nazionale della Filt Cgil, Mauro Rossi, ha detto: “Siamo soddisfatti dell’adesione comunque alta” ed ha sottolineato che “come preventivato lo sciopero si è svolto secondo le regole e senza gravi episodi di disagio per i passeggeri, a conferma della correttezza del nostro operato e dell’infondatezza delle tesi utilizzate dal ministro Matteoli per cancellare le precedenti proclamazioni”.

Smentendo Alitalia, Rossi ha continuato: “Ci risultano cancellati circa 70 voli, più di quelli preventivamente cancellati dall’azienda, a conferma di un dato di adesione molto alto che, integrato dal dato della nostra assoluta rappresentatività, consiglierebbe l’abbandono da parte aziendale di un atteggiamento che nega una dinamica relazionale vera in grado quindi di incidere sulle questioni di merito”.

Per Sdl, “una volta che il ministro Matteoli non è intervenuto d’ufficio, ecco che la giornata ha visto emergere con forza il sacrosanto dissenso nei due più grandi vettori di questo Paese”. Per il sindacato, l’unico a non aver firmato gli accordi, “in Alitalia-Cai le organizzazioni sindacali dei naviganti, fatta eccezione, come prevedibile, per Cisl, Uil e Ugl, hanno dato vita a scioperi che hanno interessato la fascia dalle 10 alle 18, che ha prodotto cancellazioni preventive di circa il 50 per cento dell’operativo programmato, registrando un’adesione del 70 per cento sulla restante attività”

Gli stessi dati sull’adesione ed i toni utilizzati dalla dirigenza di Alitalia Cai mostrano la assoluta assenza di un terreno possibile di dialogo. I toni da anni ’50, l’aver preventivamente cancellato numerosi voli per minimizzare l’impatto dell’agitazione (un tempo si chiamava ‘serrata’), l’ignorare il disagio dei dipendenti ed una politica che non favorisce le relazioni sindacali dovrebbe preoccupare non poco le organizzazioni dei lavoratori, che tuttavia nulla fanno per collegare la situazione di Alitalia con il complesso delle vertenze in corso in altri settori e per trovare nuove forme di protesta, in grado di far comprendere alla societa italiana la realtà dei fatti.

La rottura dell’isolamento nel quale sono stati lasciati i lavoratori e che è la principale causa della disfatta del 2008 non è ancora diventato un tema del dibattito su Alitalia. E questo mentre non è ancora certo il destino della Compagnia, perchè al di là delle rassicurazioni del management sono numerosi gli elementi di debolezza che emergono dalle strategie di Colaninno e Sabelli.

Sempre più Alitalia Cai assomiglia a Telecom, ormai avviata verso un destino di declino e di cessione a gruppi stranieri. E questo dopo l’espulsione di decine di migliaia di dipendenti dall’azienda. C’è da riflettere.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008