cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Haiti colonia Usa

Autore: . Data: martedì, 19 gennaio 2010Commenti (0)

Affidato agli americani il controllo del Paese.

2004-marines-controllano-HaitiLe conseguenze del sisma che ha devastato Hispaniola dal punto di vista politico sono di grande rilievo. Ieri il governo haitiano ha chiesto formalmente al governo statunitense di garantire la sicurezza e di aiutare la ricostruzione “a lungo termine”.

In un comunicato congiunto si è sancita in modo formale la legalità della presenza di militari americani sull’isola e si sono autorizzare le truppe Usa al controllo del territorio.

Il presidente Rene Preval ha definito “essenziale” l’impegno di Washington a sostegno della “ripresa, la stabilità e la ricostruzione a lungo termine” di Haiti ed ha chiesto “l’aiuto necessario ad aumentare la sicurezza” non solo del governo e della popolazione, ma anche delle Nazioni Unite, dei partner internazionali e delle organizzazioni presenti.

Denis McDonough, vice consigliere per la Sicurezza nazionale Usa, ha detto che l’accordo sarà fondato su “un ottimo rapporto di lavoro con tutti i nostri partner. La cosa principale è che tutto quello che stiamo facendo è ovviamente in coordinamento con i nostri partner Onu e ovviamente in stretta consultazione con il governo di Haiti”.

Il punto centrale è che la sovranità adesso è passata dal governo nazionale a quella di uno stato straniero, in passato partner e sostenitore di giunte dittatoriali e crudeli. Non è ancora chiaro perchè il compito non sia stato affidato alla Minustah, la ‘Missione delle Nazioni unite per la stabilizzazione ad Haïti’.

Si deve tener presente che gli americani hanno per quasi tutto il secolo scorso ingerito nella politica interna del piccolo stato caraibico, invadendo ripetutamente l’isola e garantendo gli interessi di gruppi economici interni ed internazionali predatori. Le bande criminali che seminano il terrore da decenni sono il frutto di un sistema politico corrotto che ha utilizzato i fuorilegge per tenere la popolazione civile in uno stato di terrore permanente e che ha goduto degli aiuti dei servizi segreti a stelle e strisce.

La posizione geografica di Haiti, inoltre, è strategica per il controllo di un’area nella quale è presente uno degli avversari storici di Washington, Cuba, e in uno scenario centro-sud del continente americano che mal sopporta le pesanti e tradizionali ingerenze statunitensi.

La decisione presa ieri, sull’onda dei disordini (la cui entità è ancora da accertare) prodotti dal sisma, non è in nessun modo collegabile con gli eventi, ma mostra una formale ‘annessione’ di Haiti agli Stati Uniti e apre nuovi dubbi sulla politica estera del presidente Obama, che non sembra voler mantenere gli impegni di distinguersi dal suo predecessore Bush assunti durante la campagna elettorale.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008