cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

La Polizia penitenzaria pensa allo sciopero

Autore: . Data: lunedì, 7 dicembre 2009Commenti (0)

Il Sappe chiede il diritto all’astensione dal lavoro.

polizia-penitenziariaConsiderata “l’indifferenza palese” del mondo politico e istituzionale verso i problemi del sistema penitenziario, il Sindacato autonomo di Polizia penitenziaria (Sappe) ha rivendicato il diritto a scioperare.

“Riteniamo sia giunta davvero l’ora che il Parlamento esamini con urgenza la possibilità di attribuire il diritto di sciopero anche agli appartenenti al corpo di Polizia penitenziaria – ha spiega il segretario Donato Capece -. In un sistema carcere sovraffollato da 66mila detenuti e ben 5mila agenti in meno, è necessario essere messi in condizione di avere gli strumenti opportuni e idonei per esprimere e gridare la nostra insoddisfazione”.

Capece ricorda che ogni giorno il sindacato segnala “che in molti istituti penitenziaria la sicurezza sociale e la rieducazione del detenuto sono utopie per le carenze di poliziotti, educatori e assistenti sociali. Si mette ingiustamente ‘alla gognà la Polizia Penitenziaria per gli episodi negativi che avvengono in carcere (come i suicidi di detenuti o le evasioni) ma non si fa nulla di concreto per rendere il carcere una istituzione civile per chi ci lavora ogni giorno e per i detenuti”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008