cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Intimidazioni e razzismo a Roma

Autore: . Data: martedì, 15 dicembre 2009Commenti (0)

Dietro l’episodio che ha coinvolto una donna ebrea un clima sempre più pesante.

razzismo1Anche la capitale sta assistendo all’esplodere di fenomeni razzisti, xenofobi e di violenza gratuita.

“Siamo stati costretti a rivolgerci a istituti di sicurezza privati. Ormai viviamo nel terrore e nell’umiliazione”. E’ da mesi che si susseguono insulti razzisti nei nostri confronti. “Questa mattina (ieri, ndr) ero andata a prendere un pezzo di pizza e ho incontrato un ambulante abusivo di Campo de’ Fiori che mi ha sputato contro rivolgendomi minacce e insulti”.

A parlare è Laura Piperno, figlia di una commerciante ebrea la cui famiglia è proprietaria da circa 60 anni di un banco nella famosissima piazza romana in pieno centro storico ed a poche centinaia di metri dal ghetto.

Secondo il racconto della donna, una dei 40 feriti dell’attentato del 9 ottobre 1982 alla sinagoga, le minacce nei confronti della sua famiglia sarebbero partite alcuni mesi fa quando “il titolare di tre banchi abusivi a Campo de’ Fiori a cui sono state revocate le licenze, ha iniziato a rivolgermi contro insulti razzisti e minacce di morte”.

L’ultima aggressione verbale sarebbe arrivata ieri, secondo quanto riferito dalla donna: “Ebrei de merda, tanto ve famo sparì coi banchi e no”, avrebbero detto a Piperno i razzisti.

“Ho presentato denuncia alla polizia – ha spiegato la commerciante – e abbiamo anche segnalato la presenza di questi banchi abusivi al I municipio ma non hanno fatto nulla”. Piperno ha riferito che l’episodio ha provocato un malore a sua madre, “che è stata trasportata all’ospedale con l’ambulanza”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008