cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Carceri: da cinque mesi in attesa di un intervento chirurgico

Autore: . Data: giovedì, 3 dicembre 2009Commenti (0)

Ad un detenuto sarebbe negato anche il diritto alla salute.

carcereDa 5 mesi un detenuto di 56 anni del carcere di Regina Coeli, a Roma, attende che uno degli 11 ospedali della capitale lo operino per asportare un probabile papilloma vescicale.

Lo ha segnalato, in una nota, il Garante dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni. “Purtroppo quello di Giuseppe non è un caso isolato – ha detto Marroni – È l’emblema di come non funziona l’accesso alle cure al di fuori del carcere. Il sistema non è migliorato con il trasferimento alle Asl della medicina penitenziaria”.

L’odissea di Giuseppe, ha raccontato Marroni, comincia quando entra in carcere il 22 maggio scorso. Pochi giorni dopo gli viene diagnosticato, con un’ecografia, un probabile papilloma vescicale di circa 15 millimetri. Il 5 giugno la direzione sanitaria di Regina Coeli invia una richiesta per una sorta di biopsia per verificare la natura del papilloma. La richiesta viene inviata agli ospedali Pertini, San Camillo-Forlanini, San Filippo Neri, San Giovanni, Santo Spirito, FatebeneFratelli e Umberto I. Il 3 luglio Giuseppe fa un visita urologica propedeutica all’intervento al San Camillo da cui si evidenziava che la formazione era di 18 x 11 millimetri. Il 2 settembre la direzione sanitaria invia una richiesta di intervento a 11 ospedali, tra questi anche Ifo e Cristo Re. Giuseppe attende ancora l’intervento nonostante il carcere rinnovi ogni settimana la richiesta.

“È sconcertante – ha detto Marroni – che gli ospedali hanno inviato un fax con su scritto ‘non disponibile posto letto’ o solo ‘no’”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008