cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Violenza sessuale su due adolescenti romanì

Autore: . Data: lunedì, 30 novembre 2009Commenti (0)

Un ‘italiano’ abusa di due ragazzi in Campania.

abusiMario D’Angiolella, 62 anni, è stato arrestato mentre era in compagnia di due romanì adolescenti per violenza sessuale su minori. L’uomo è direttore generale di università popolare, il Liass, Libero Istituto delle Scienze sociali.

La squadra mobile della Polizia napoletana indagava da tempo nell’ambito del fenomeno sempre più esteso della prostituzione di giovanissimi romanì nel capoluogo campano.

Nell’alloggio in cui avrebbe portato i due adolescenti di origine bulgara c’era anche un presepe. Fuori, fra materiale di risulta abbandonato, un’altalena e nell’ingresso due videogiochi professionali. In cucina, tempere e quadretti realizzati dalle sue vittime. In una seconda stanza, un letto.

Secondo gli investigatori che lo hanno bloccato in auto dopo un lungo pedinamento non era la prima volta che l’uomo portava in qella casa i due ragazzi. Non è escluso che avesse condotto altri giovanissimi in quelle tre stanzette nascoste dalla vegetazione: un deposito abbandonato a Santa Maria del Pantano, appena visibile dalla strada e blindato da doppi cancelli e porte di ferro.

I due quattordicenni capivano bene l’italiano. Da quanto è emerso dalle indagini, lo seguivano per la ricompensa che poteva consistere in qualche pacchetto di sigarette, una ricarica per il telefonino o pochi euro.

L’isolamento e le discriminazioni subite dai romanì sono in parte causa del degrado che porta ad episodi di questo genere. Infine ci sarebbe da riflettere sul rilievo che una notizia del genere avrebbe avuto sulla stampa se le parti fossero state inverse e le vittime due adolescenti ‘italiani’.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008