cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Le torture americane ed inglesi in Iraq

Autore: . Data: mercoledì, 25 novembre 2009Commenti (0)

‘The Independent’ pubblica una foto ed annuncia sospetti.

iraq the independentIeri il quotidiano inglese ha pubblicato una foto in prima pagina nella quale si vedono militari che violano la convenzione di Ginevra: nell’immagine appaiono prigionieri iracheni con le mani legate, sdraiati per terra e con gli occhi bendati.

Oggi il ministro della Difesa, Bob Ainsworth, aprirà una indagine ufficiale su presunti abusi ed omicidi.

Gli avvocati dei quattro prigionieri hanno denunciato che i loro clienti, poche ore dopo il momento in cui fu scattata la foto, furono trasferiti in un campo di prigionia britannico, dove furono brutalmente picchiati.

Nello stesso lager altri venti civili sarebbero stati uccisi dai militari. La foto sarebbe stata a disposizione delle autorità militari dal maggio 2004 e secondo i legali conferma le accuse.

Ammanettare un prigioniero con le mani sulla schiena, gettarlo a terra e incappucciarlo, ricorda il giornale, è una violazione della convenzione di Ginevra che vieta l’umiliazione e i trattamenti degradanti contro i prigionieri, ma anche la coercizione fisica durante gli interrogatori. Viola anche la Convenzione europea sui diritti umani, e le regole dello stesso Esercito GB sull’incappucciamento dei detenuti. L’inchiesta dovrà occuparsi di 33 casi di presunti abusi occorsi in Iraq tra il 2003 e il 2008.

Lo stesso quotidiano, in un altro articolo rilancia una notizia secondo la quale “ufficiali inglesi parlarono in segreto della prospettiva di un “cambio di regime” in Iraq verso la fne del 2001, più di un anno prima dell’invasione”.

Questa rivelazione mostrerebbe come le insistenti voci secondo le quali l’ammiistrazione Bush aveva deciso di attaccare l’Iraq a prescindere dall’esistenza delle ‘armi di distruzione di massa’  fossero fondate e che non solo il governo americano mentì al mondo, ma anche quello inglese.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008