cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Inutili discussioni e teatrini sulla pillola Ru486

Autore: . Data: giovedì, 26 novembre 2009Commenti (0)

In Senato l’uso del farmaco diventa motivo di scontro ideologico e non si ha il coraggio di dirlo ai cittadini.

ru-486E’ in corso e sulla via del traguardo l’indagine conoscitiva sulla pillola abortiva Ru486 voluta dalla commissione Sanità di palazzo Madama. Il centro destra vuole ottenere uno stop precauzionale all’immissione in commercio del farmaco abortivo, in attesa di un parere del ministero della Salute sulla compatibilità con la legge 194. L’opposizione lavora ad un suo documento.

Al centro della vicenda, naturalmente, non è il farmaco, ma la volontà di impedirne l’utilizzazione sulla base di presunti ‘valori religiosi’, in base ai quali l’interruzione di gravidanza sarebbe un crimine.

La Ru486 ha cominciato ad essere sperimentata a partire dall’inizio degli anni ottanta e messa in vendita in Francia nel 1988. Attualmente è utilizzato nel circa 30 per cento delle interruzioni di gravidanza. La distribuzione del prodotto si è allargata ad altri paesi Europei negli anni novanta e negli Stati Uniti è in uso dal settembre 2000. Nel 2003 l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ne ha confermato la sicurezza e definito le linee guida in un documento: “Safe abortion: technical and policy guidance for health systems”.

Dal 2005, poi, l’Oms ha inserito i principi attivi del farmaco nella quattordicesima versione della propria lista dei farmaci essenziali, raccomandandone l’uso combinato e naturalmente sotto stretta osservazione medica.

In Italia, con una storia clinica della Ru486 vecchia di 29 anni, invece, si continua a tergiversare. Le convinzioni religiose dei cattolici non possono essere in nessun modo discusse, come non può essere impedita la libertà di autodeterminazione dei laici.

Interruzione di gravidanza o divorzio non sono ‘pratiche obbligatorie’, ma decisioni individuali e come tali vanno garantite in Paese democratico. Invece al Senato dei parlamentari che di cose ben più rilevanti dovrebbero occuparsi giocano a rimpiattino.

Il presidente della commissione, Tomassini, ha detto: “Trovo stupefacente che l’opposizione non abbia trovato argomenti e faccia solo una tattica ostruzionistica”, utilizzando il tradizionale politichese che tanto piace nel Palazzo. Nel frattempo il Partito democratico ha spiegato che “non voterà il documento della maggioranza”, perchè lo considera “strumentale” rispetto ad un legittimo provvedimento dell’Agenzia italiana del farmaco (che nel frattempo ne aveva liberalizzato la vendita) ed ha annunciato che il partito sta lavorando ad “un documento alternativo a quella della maggioranza e dei radicali”.

Per il capo dei Pd in commissione, Dorina Bianchi, che paradossalmente dichiarandosi ‘cattolica’ è d’accordo con il centro destra, è necessaria “una relazione il più corretta possibile”, anche sulla base “delle audizioni svolte” e quindi,  sottolineando che al momento sulle conclusioni del testo “ci sono alcune divergenze” (le sue, tra l’altro), si è augurata che alla fine “si possa giungere ad un documento condiviso”.

Ignazio Marino, che era capogruppo del Pd nella commissione, ma fu sostituito tra le critiche con l’esponente ‘cattolica’ ha chiesto che “il Partito Democratico mantenga una posizione unitaria, e che si opponga nettamente alla Pdl sulla questione della Ru486″.

Sulla questione ieri mattina è intervenuto anche  Ferruccio Fazio, vice ministro della Salute, lavandosene le mani: “La questione relativa all’immissione in commercio in Italia della pillola abortiva Ru486 ‘è sul tavolo della commissione Sanità del Senato e non del ministero. Attualmente, dunque, non è un problema nostro”.

Nel frattempo una persona che ha delle qualifiche riconosciute (a differenza di altri), il Premio Nobel Rita Levi Montalcini ha dichiarato: “Conosco chi l’ha scoperta, e posso dire che i suoi risultati sono straordinari”.

L’ennesimo spettacolo di un Parlamento che non discute di cose reali e si impegna nel passare il tempo in polemiche oziose è stato servito. Come sempre.

Aggiornamento, h.9,16

La demagogia ha infine prevalso. Difendendo principi ‘cattolici’ regolarmente disattesi nella vita privata da quasi tutti i leader del centro destra, la commissione Sanità di palazzo Madama ha approvato, a maggioranza, con il voto favorevole di Pdl e Lega e quello contrario del Pd, il documento finale dell’indagine conoscitiva sulla pillola abortiva RU486 presentato dal presidente e relatore Antonio Tomassini. Nel testo si chiede di fermare la procedura di immissione in commercio della pillola abortiva in attesa di un parere tecnico del ministero della Salute circa la compatibilità tra la legge 194 e la RU486.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008