cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Giustizia per Mbarka Sami Ben Garci

Autore: . Data: martedì, 3 novembre 2009Commenti (0)

L’uomo, detenuto nel carcere di Pavia, era morto a causa di uno sciopero della fame.

GiustiziaInviatoSpeciale si è occupato della vicenda del carcerato tunisino, scomparso il  5 settembre scorso dopo uno sciopero della fame di 40 giorni (leggi qui). Ieri il suo legale ha presentato un esposto alla Procura di Pavia nel quale accusa la direzione del carcere, il direttore sanitario della struttura e una psichiatra di essere responsabili della morte dell’immigrato.

Mbarka Sami Ben Garci aveva deciso di protestare dopo che gli era stata inflitta una nuova condanna per violenza sessuale, accusa che aveva sempre respinto considerandola “infamante”.

La Procura, subito dopo l’accaduto, aveva aperto un fascicolo a carico di ignoti con l’ipotesi di omicidio colposo, disponendo l’autopsia che, stando ai primi esiti, avrebbe individuato in una crisi metabolica la causa della morte.

Ora in Procura è arrivato anche l’esposto presentato dall’avvocato Aldo Egidi, al quale sono allegate alcune lettere che il legale inviò alla direzione del carcere per richiedere il trattamento sanitario obbligatorio (tso) per il detenuto, che non intendeva interrompere lo sciopero della fame.

“Il mio assistito – ha chiarito il legale – venne trasferito in via d’urgenza in ospedale solo quattro giorni prima di morire”. E al tunisino, ha concluso il legale, “non venne mai praticato il tso, che forse avrebbe avuto l’effetto di salvargli la vita. Dalla psichiatra dell’ospedale al direttore sanitario del carcere, tutti dissero che non c’erano elementi per il tso”.

Infatti, l’uomo è morto durante una protesta non violenta in un Paese che si definisce democratico dopo essere stato ‘dimenticato’ per oltre un mese.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008