cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Alitalia: il Codacons considera incostituzionale la cessione

Autore: . Data: venerdì, 13 novembre 2009Commenti (0)

Chiesto il ricorso alla Consulta.

alitalia4È incostituzionale, secondo il Codacons, la legge in base alla quale il ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola ha autorizzato il programma di cessione di Alitalia.

Lo ha sostenuto ieri davanti al Tar del Lazio il coordinamento delle associazione degli utenti e dei consumatori. Chiesta, quindi, la sospensione del ricorso proposto per contestare il programma di cessione relativo alle società del gruppo Alitalia e la remissione degli atti alla Corte costituzionale.

I giudici si sono riservati di decidere con un’ordinanza il cui esito si conoscerà oggi. In contestazione c’è il decreto con il quale il ministro Scajola, il 19 novembre 2008, ha autorizzato la cessione a Cai di Alitalia, secondo il programma proposto dall’allora Commissario straordinario della compagnia aerea, Augusto Fantozzi.

“Già la prima sezione del Tar – ha detto il legale del Codacons, l’avvocato Gino Giuliano – il 27 maggio scorso ha sollevato questione di costituzionalità nei confronti della norma che, con riferimento alle operazioni di concentrazione tra società, come nel caso di Alitalia, sottraeva le stesse all’autorizzazione dell’Antitrust. Oggi noi abbiamo insistito per sospendere il giudizio con la remissione degli atti alla Suprema Corte per far valutare un’ulteriore questione di costituzionalità: quella riferita al decreto che ha autorizzato il programma di cessione dell’azienda. Siamo fiduciosi che i giudici possano accogliere le nostre richieste”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008