cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » esteri, vivere
Regola la dimensione del carattere: A A

Mercedes Sosa non c’è più

Autore: . Data: lunedì, 5 ottobre 2009Commenti (0)

Scomparsa la grandissima cantante argentina.

_mercedes_sosaÈ morta all’età di 74 anni la cantante argentina Mercedes Sosa, leggendaria voce del folclore e della coscienza dei popoli latinoamericani, il cui impegno politico contro l’ingiustizia sociale l’ha costretta all’esilio negli anni della dittatura militare argentina (1976-93).

Malata da qualche anno e costretta a rimanere fuori dalla scena, è morta in una clinica di Buenos Aires. Nata nel 1935 nella provincia di Tucuman, nel nord, città dove nel 1816 venne firmata l’indipendenza dell’Argentina, in un poverissimo sobborgo da una famiglia india, per il colore scuro della pelle e dei capelli venne soprannominata “La Negra”.

Mercedes Sosa era dotata di una voce bassa e potente e di un carisma universalmente riconosciuto. La sua carriera musicale attraversa cinque decenni, è punteggiata di quaranta dischi e l’ha vista più di recente duettare con artisti internazionali noti per il loro impegno politico, come Joan Baez e Sting e lo scorso anno, nell’ultimo album, il doppio “Cantora”, con il cantautore brasiliano Caetano Veloso e la popstar colombiana Shakira.

Pur non definendosi mai apertamente attivista politica partecipò durante gli anni ’60 e ’70 al movimento della “Nueva cancion”, che con una lontana ispirazione marxista univa al folklore tradizionale dei popoli latinoamericani una carica politica nel dare voce ai poveri, agli sfruttati, agli oppressi.

Fra le sue canzoni di protesta più celebri, “Cantiamo ancora”, in cui, accompagnata solo da un tradizionale tamburo andino (bombo), diceva al regime militare argentino “Sono stata uccisa mille volte – sono scomparsa mille volte – ed eccomi qui, risorta dai morti…eccomi ancora qui, sorta dalle rovine della dittatura lasciate dietro – Cantiamo ancora”

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008