cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca
Regola la dimensione del carattere: A A

Marino chiede la depenalizzazione delle droghe leggere

Autore: . Data: giovedì, 15 ottobre 2009Commenti (0)

Il candidato alla segreteria del Pd sempre più lontano dai suoi avversari.

marijuanaIgnazio Marino ha chiesto la depenalizzazione di hashish e marijuana e proposto il via libera alla coltivazione in proprio delle piantine di cannabis. “Sicuramente tra le battaglie di civiltà – ha spiegato il candidato alla segreteria – si può inserire la depenalizzazione delle droghe leggere. D’altra parte già in un referendum negli anni ’90 il 54 per cento degli italiani aveva affermato il principio della depenalizzazione per l’uso personale”.

Ha aggiunto Marino: “E io arriverei anche a fare una piccola provocazione. Ad esempio se consideriamo che molti criminali si arricchiscono sul traffico della ‘cannabis’ cioè della sostanza che serve per farsi uno spinello, per quale motivo non potremmo depenalizzare, ma anche autorizzare la coltivazione di una piantina a casa di una persona che ne vuole fare uso, in modo che non debba rivolgersi allo spacciatore quindi alla attività criminale in una piazza della sua città esponendosi al rischio di acquistare sostanze che possono essere anche pericolose, perchè sappiamo che vengono tagliate con molti altri composti chimici a volte pericolosi, sottraendo così alla criminalità organizzata un traffico redditizio?”.

“Non ne faccio una questione di fascia d’elettorato – ha concluso il chirurgo – Lo faccio per il principio. Comunque sicuramente io credo che un genitore si sentirebbe molto più sicuro ad avere un figlio che ogni tanto si fa uno spinello, ma vede che si è coltivato una piantina sul terrazzo rispetto al sapere che invece si affida al traffico della criminalità organizzata per acquisire la stessa sostanza. E poi ci sono persone che usano queste sostanze per scopi terapeutici perchè aiuta in alcune malattie e queste persone probabilmente potrebbero averne anche loro un beneficio e un interesse”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008