cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, esteri
Regola la dimensione del carattere: A A

Straordinaria scoperta in Argentina

Autore: . Data: martedì, 8 settembre 2009Commenti (0)

Nuovi dati sull’origine della vita sulla terra.

terraSembrano formazioni saline che si estendono tra le lagune turchesi della Puna di Salta, a 4.000 metri di altitudine, nel nord ovest dell’Argentina: sono, in realtà, fossili viventi, batteri e microbi che formano quelle rocce organiche che, 3.500 milioni di anni fa, permisero l’evoluzione della vita sulla Terra.

Un ecosistema unico nel mondo. Si tratta di stromatoliti, cioè gruppi di microrganismi con alghe, vincolate a formazioni calcaree, che cambiarono l’atmosfera del pianeta: “le alghe realizzavano la fotosintesi mentre gli altri batteri riciclavano minerali. Il diossido di carbonio si trasformava in ossigeno; si formò così una cappa di ozono e la vita cominciò diversificarsi”, spiega il direttore del centro microbiologico argentino (Limla) Maria Farias, autore della scoperta insieme ai suoi ricercatori.

È la prima volta che si scoprono estromatoliti vivi in altura. “Circa 3.500 milioni di anni fa, si verificarono condizioni molto simili a quelle della Terra”, sottolinea la Farias, “e cioè un ambiente desertico, molto sale, alte radiazioni ultraviolette e la presenza di carbonati di calcio fondamentali per la formazione delle pietre”.

Gli scienziati argentini hanno scoperto i batteri nella laguna Socompa e vicino al villaggio di Tolar Grande, entrambi nella provincia di Salta. Secondo Farias, “questa scoperta ha anche un potenziale turistico che dovrebbe essere sfruttato dagli enti locali”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008