cronaca

I fatti senza distorsioni, opinioni o interpretazioni. Spesso la realtà è differente da come viene raccontata dai media.

esteri

Il mondo è un illustre sconosciuto e il Sud del pianeta è quasi del tutto ignorato. E molte cose sono diverse da come appaiono.

politica

In Italia ormai il Palazzo e la società civile sono pianeti separati. Si deve cercare di restituire ai cittadini trasparenza.

tu inviato

Gli articoli scritti dai cittadini e pubblicati dal nostro giornale. La libera informazione è libertà di espressione.

vivere

Diritti civili, convivenza pacifica, cultura, arte, spettacolo, salute, ambiente, sport, tecnologie, cucina: sono il cuore del millennio.

Home » cronaca, esteri, politica
Regola la dimensione del carattere: A A

Secondo la ‘Sueddeutsche Zeitung’ Berlusconi sragiona

Autore: . Data: lunedì, 7 settembre 2009Commenti (0)

Il giornale tedesco analizza senza pietà la situazione italiana.
berlusconi_cornaIn un articolo dal titolo “Unselige Wut”, ovvero “Ira sciagurata”, Julius Müller Meiningen ha scritto:

“Berlusconi sragiona: nessuno è più al riparo dalla sua offensiva senza precedenti. Non i giornali, non l’Unione Europea e neanche la Chiesa cattolica.

Era un’estate tranquilla in Italia. Le spiagge erano ben affollate nonostante la crisi economica, le calde città abbandonate, come sempre in agosto. E ora che con la fine delle vacanze le strade si sono nuovamente riempite, i clacson sono ritornati a strombazzare e le solite maledizioni vengono lanciate nel traffico, anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, sembra essere tornato in piena energia. Nessuno è più al riparo dalla sua offensiva senza precedenti.

Non i giornali, non l’Unione Europea e nemmeno la Chiesa Cattolica.

“Contrattacco”, così chiama lo stesso Berlusconi le sue cause intentate contro la stampa italiana e internazionale. Adesso è la volta del vecchio giornale di partito L’Unità, fondato dal filosofo comunista Antonio Gramsci. L’Unità avrebbe diffuso “affermazioni fasulle” su Berlusconi e l’avrebbe tra le altre cose diffamato in quanto “soggetto a problemi di erezione”.

Origine della causa in tribunale, ora intentata dall’avvocato di Berlusconi, è la pubblicazione di notizie sulla vita privata del premier, in quanto riportavano sulle notti trascorse con la prostituta Patrizia D’Addario e altre bellezze. Ancora agli inizi dell’estate il premier aveva seguito una tattica diversiva più tendente alla difesa, con il suo inciso che “non è un santo”. Adesso si lancia grintosamente all’attacco.

Berlusconi ha già preteso il risarcimento dei danni al quotidiano romano ‘La Repubblica’, che anche dopo mesi non si stanca di ristampare sul giornale dieci domande, dove di chiedono spiegazioni al presidente del Consiglio sulla sua vita privata e si richiede di conoscere il suo stato di salute. Berlusconi dice di percepire queste domande come lesive del suo onore. Anche la stampa straniera è da tempo caduta nel suo mirino. Il quotidiano spagnolo ‘El Pais’ dovrebbe espiare per alcune foto pubblicate della villa di Berlusconi in Sardegna e anche il francese ‘Le Nouvel Observateur’ è stato citato in giudizio in tribunale. L’attacco dell’esercito di Berlusconi ha colpito in ultimo il giornale della Conferenza Episcopale Italiana, ‘Avvenire’.

Vittorio Feltri, uno dei vassalli mediatici del premier e direttore dell’organo di stampa berlusconiano ‘Il Giornale’, ha attaccato in un articolo Dino Boffo, caporedattore di ‘Avvenire’. Costui sarebbe omosessuale e avrebbe molestato la moglie di un suo amante e farebbe meglio con tale doppia morale a evitare rimproveri al presidente del Consiglio. Boffo era stato una delle poche voci ufficiali dell’Italia cattolica a criticare pubblicamente la vita privata di Berlusconi. Dino Boffo si è dimesso giovedì “a causa di una campagna di stampa che ha violentato me e la mia famiglia”.

Da ciò che si sente, perfino i più stretti collaboratori di Berlusconi sarebbero sorpresi da questi attacchi, che non hanno colpito solo i media e la Chiesa, ma anche la UE; un portavoce della commissione aveva criticato le pratiche di espulsione italiane nel Mar Mediterraneo e Berlusconi aveva risposto minacciando un blocco del processo decisionale europeo. I collaboratori si meravigliano anche del momento scelto per questi attacchi: le sue scappatelle risalgono a qualche tempo fa, l’opinione pubblica si era già tranquillizzata.

Anche l’opposizione e le organizzazioni dei giornalisti, inorriditi, hanno replicato che la libertà di stampa in Italia è in pericolo. Di fatto Berlusconi, proprietario delle maggiori emittenti private, ha un rapporto particolare con i media. Solo in Italia sarebbe possibile, si è accalorato recentemente il settantaduenne, che la televisione di Stato finanziata con denaro pubblico critichi il governo eletto dal popolo”.

Stampa articolo (o crea PDF)
Fai una donazione a InviatoSpeciale
Condividi o invia per e-mail


Informativa

Commenti disabilitati.

InviatoSpeciale è un quotidiano on line di Informazione, Politica e Cultura, pubblicato dall'Associazione Onlus The GlobalvillageVoice,
registrato al Tribunale di Bari, numero 1273, del 24 aprile 2008